F1 – Ferrari: Resta, “Stiamo scoprendo la F14 T”

“Ora a noi interessa fare chilometri"

F1 – Ferrari: Resta, “Stiamo scoprendo la F14 T”

Dopo la prima giornata di test in Bahrain è ancora difficile comprendere quali siano effettivamente i valori in campo nella Formula 1 del 2014. Scontato dunque che prevalga la cautela anche all’interno della Scuderia Ferrari. Sono prudenti le parole del Deputy Chief Designer Simone Resta: “Credo sia ancora troppo presto per poter dire se siamo soddisfatti o meno, stiamo imparando come si comporta la F14 T nelle varie situazioni e cerchiamo di accumulare più dati possibili. Uno dei focus di questo test è poi osservare come lavora il nuovo power train e come si interfaccia con il pilota. Ogni componente nuovo è sotto osservazione, come ad esempio il sistema di frenata brake by wire, così come tutti i software collegati alla vettura sui quali abbiamo lavorato molto nelle ultime due settimane”.

Nessuna ricerca della prestazione assoluta dunque: “Quella è una fase successiva del lavoro” – continua Resta – “Ora a noi interessa fare chilometri. Gli ultimi aggiornamenti in vista del Gran Premio d’Australia arriveranno per il prossimo test qui in Bahrain, sarà allora che faremo anche una ricerca delle prestazioni della vettura. Detto questo tracciare un confronto con le monoposto dell’anno scorso ha senso fino a un certo punto. Tutti parlano del motore, ma ci sono altri due elementi da tenere in considerazione: con i nuovi regolamenti abbiamo meno carico aerodinamico e il peso delle vetture è aumentato”.

Uno dei temi del momento è il surriscaldamento, un problema di cui molte squadre stanno soffrendo. In Ferrari si è approfittato del cambio di regolamento per una sorta di rivoluzione. Resta spiega: “Il fatto di aver dovuto cambiare il propulsore ci ha permesso di modificare tutto il pacchetto, ci abbiamo lavorato tanto e ci abbiamo investito. Meglio comunque non peccare di superbia e credersi in vantaggio”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati