F1 | Ferrari, Binotto: “Abbiamo fiducia in Vettel”

Anche Todt in difesa del tedesco. Per Montoya invece le difficoltà di Vettel sono dovute a problemi tecnici e non mentali

F1 | Ferrari, Binotto: “Abbiamo fiducia in Vettel”

Sono stati giorni difficili quelli del post Monza per Sebastian Vettel, con il tedesco della Ferrari subissato di critiche per il testacoda che lo ha visto (suo malgrado) protagonista alla variante Ascari nel corso del 6° giro del Gran Premio d’Italia.

Un episodio a cui ha fatto seguito il ritorno in pista non in sicurezza dove ha toccato la Racing Point di Lance Stroll, danneggiando l’ala anteriore della sua monoposto e venendo successivamente penalizzato per l’infrazione commessa.

In favore di Vettel è intervenuto Mattia Binotto che ha manifestato parole di vicinanza nei confronti del proprio alfiere.

Anche altri piloti hanno commesso errori. Ora dobbiamo aiutare Sebastian e prenderci cura di lui – ha dichiarato il team principal di Maranello, citato da Auto Bild -. È importante che senta che noi e i tifosi lo amiamo, abbiamo fiducia in lui e facciamo affidamento su di lui. Perché è quello che bisogna fare”.

Dalla parte di Vettel si è schierato anche il presidente della FIA Jean Todt: “Sebastian è un quattro volte campione del mondo. Questo non deve essere dimenticato. La critica è esagerata e ingiusta. Fa degli errori che possono accadere quando sei sotto pressione. È un essere umano e non un robot”.

Per Juan Pablo Montoya i problemi di Vettel sono dovuti a questioni tecniche e non mentali: “Penso non si trovi a proprio agio con qualcosa in macchina o con le gomme, mentre Charles Leclerc è stato in grado di adattarsi meglio – ha detto l’ex pilota di Williams e McLaren ai microfoni di Autosport -. Vettel deve soffrire per andare veloce come l’altro ragazzo. Quando non ti senti a tuo agio con la monoposto e spingi fai degli errori”.

Piero Ladisa


F1 | Ferrari, Binotto: “Abbiamo fiducia in Vettel”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

6 commenti
  1. max02

    16 settembre 2019 at 20:07

    Anche con ricciardo in red bull stessa cosa? forse è stato sopravvalutato con una macchina fuori dal mondo, in quel periodo

  2. Luigi176

    16 settembre 2019 at 21:14

    La striscia di errori di Vettel si allunga a dismisura. Alla Ascari, domenica scorsa, ha commesso un grosso errore e lo ha fatto tutto da solo. Non credo che sia un problema della squadra: è lui che si deve svegliare.

  3. Victor61

    16 settembre 2019 at 21:23

    ma per favore…Vettel sbatteva, andava a muro e andava in testacoda spesso anche nel 2017 e nel 2018 quando la Ferrari gli aveva una costruito una macchina su misura per vincere il mondiale e lui lo ha perso anche e soprattutto per i suoi clamorosi errori di guida…indifendibile

  4. pepiona

    17 settembre 2019 at 08:37

    che tifosi dei miei stivali!! sempre secondo come tira il vento… si e vero, e un essere umano, cmq credo sia abbastanza intelligente da capire da solo se può ancora guidare a quei livelli o no

  5. max02

    17 settembre 2019 at 11:47

    Ricordiamo che conta anche quello che succede nella vita privata, i piloti hanno grande sensibilità

    • Roby Bad

      17 settembre 2019 at 23:16

      Un pilota sbaglia quando prova a osare un pelino di più rispetto a quanto tiene la macchina. Lo faceva spesso Gilles per capire i limiti della vettura.
      Il commento di Montoya è il più verosimile

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati