F1 | Briatore ricorda l’arrivo di Schumacher in Benetton: “I vertici della squadra non erano convinti della scelta”

"La mia sicurezza li ha spinti a metterlo sotto contratto", ha rivelato il Manager italiano

F1 | Briatore ricorda l’arrivo di Schumacher in Benetton: “I vertici della squadra non erano convinti della scelta”

In una chiacchierata concessa ai microfoni della Bild, Flavio Briatore ha raccontato l’arrivo di Michael Schumacher all’interno del team Benetton, sottolineando come il management della squadra non fosse convinto della scelta portata avanti dal Manager italiano.

I vertici, infatti, ritenevano Michael troppo giovane e troppo poco esperto per un’avventura di questo tipo, fattore che ha messo a serio rischio l’arrivo del tedesco in Benetton. La caparbietà di Briatore, però, ha spinto il management a cambiare idea, portando la squadra a conquistare i titoli mondiali del 1994 e del 1995.

Ecco le parole di Flavio Briatore: “I capi della Benetton non erano convinti del talento di Schumacher. Lo ritenevano troppo giovane e non troppo buono per un’esperienza di questo tipo, ma la mia sicurezza li ha spinti a metterlo sotto contratto. Ho mandato l’accordo a Michael e alle quattro di notte ho ricevuto la sua firma”.

Il Manager italiano ha successivamente ricordate le enormi capacità del tedesco, sottolineando come quest’ultimo non abbia mai mosso una critica nei confronti della squadra: “Michael non si è mai lamentato con il team. Cercava di risolvere ogni problema della macchina e metteva tutto se stesso in quello che faceva. Altri avrebbero definito la vettura una merda, mentre lui no”.

F1 | Briatore ricorda l’arrivo di Schumacher in Benetton: “I vertici della squadra non erano convinti della scelta”
5 (100%) 1 vote
Leggi altri articoli in Amarcord

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati