Eddie Jordan commenta l’addio di Dennis alla Mclaren: “Un vero peccato”

"L'offerta cinese ha infastidito Ojjeh e la cordata bahreinita"

Eddie Jordan commenta l’addio di Dennis alla Mclaren: “Un vero peccato”

In un’intervista rilasciata alla rete irlandese RTL, Eddie Jordan ha commentato l’addio di Ron Dennis alla Mclaren, sottolineando come l’intera storia sia stata affrontata nel modo sbagliato da entrambe le parti. Secondo l’ex opinionista della BBC, infatti, Ron Dennis meritava un addio diverso dalla Scuderia inglese, soprattutto per i tanti sforzi portati avanti negli ultimi anni. La scalata al potere tentata con alcuni compratori cinesi ha fatto però saltare il tavolo degli accordi, costringendo Mansour Ojjeh e la cordata bahreinita a portare fuori da Woking il 69enne inglese. In poche parole, il viaggio in Cina del vecchio Ron è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

Ecco le parole di Eddie Jordan: “La scalata al potere di Ron ha infastidito gli attuali proprietari della Mclaren e questo ha creato degli attriti insanabili all’interno del management della squadra. La gestione dell’intera storia mi lascia molto perplesso soprattutto per il fatto che l’offerta cinese era molto reale. Il problema è che i bahreiniti non hanno intenzione di vendere la Mclaren e quindi Ron è stato gentilmente accompagnato fuori da Woking. Di sicuro meritava un addio diverso e l’intera storia è un vero peccato visto che Dennis meritava un addio simile a quello di Felipe e non una consulenza dentro un tribunale. In questa storia ci perdono tutti”

Roberto Valenti

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti
  1. felicinoss

    18 Novembre 2016 at 17:32

    …ormai la F1 è gestita dagli INGLESI….una mafia peggio di quella Russa o Italiana….che dire, un grande messo alla porta?..anche LMDM ha subito la stessa cosa e in un rulo MOLTO più importante….ormai aspettiamoci dalla F1…solo SPAZZATURA!

    • felicinoss

      18 Novembre 2016 at 17:33

      perdonate l’errore ma sono arrabbiato! LCDM

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati