De La Rosa: “A Sepang tre le frenate difficili”

Il circuito è meno impegnativo di altre piste per l’impianto frenante

De La Rosa: “A Sepang tre le frenate difficili”

Quello di Sepang è un circuito molto impegnativo, che mette a dura prova sia i piloti che le vetture. Si tratta infatti di una combinazione di curve veloci e lunghi rettilinei, che impegnano tanto il motore quanto l’aerodinamica. Per il pilota invece ci sono da sopportare l’umidità e il caldo, con la temperatura dell’abitacolo che può raggiungere anche i 50 gradi.

Per questo motivo è molto importante che i piloti si adattino per tempo a questo clima e rimangano idratati anche mentre guidano: un cattivo funzionamento del sistema che permette di bere durante la corsa potrebbe fare la differenza in termini di risultato finale. “Se la gara è asciutta è lunghissima e mentre sei in macchina speri che cominci a piovere per poter avere un po’ di sollievo” racconta il collaudatore della Scuderia Ferrari Pedro De La Rosa a www.ferrari.com.

Il Gran Premio della Malesia è invece meno impegnativo di altre piste (pensiamo a Canada e Singapore) per l’impianto frenante. “Ci sono comunque tre curve che sollecitano particolarmente l’intero sistema: la frenata della prima chicane, a cui si arriva ad una velocità di oltre 300 km/h con una forza laterale di superiore ai 4 g, quella della curva Langkawi e quella dell’ultimo tornante prima del rettilineo del traguardo”, conclude De La Rosa. L’impianto frenante è abituato a sostenere sforzi anche più importanti, ma le condizioni climatiche estreme della gara malese impongono di tenere sempre sotto controllo la temperatura dei dischi e dell’intero sistema.

Nel video l’animazione realizzata da Brembo per il circuito di Sepang.

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

5 commenti
  1. Dany_M

    28 Marzo 2014 at 14:55

    De La Rosa: “A Sepang tre le frenate difficili”

    Di difficile c’è solo da capire come mai la Ferrari ti abbia assunto visto che pure i test sono bloccati quindi quando girano ci vanno sempre i titolare. Considerando che poi c’erano già Genè e Fisichella…
    A pensar male c’è da chiedersi se magari il tuo pregio sia scambiarti mail con Alonso e qualche altro furbacchione del paddock…

    • Venom

      28 Marzo 2014 at 15:11

      Questa è la storia della MC Ladren.

      E tu sei solo un perdente. (Dani_Mer….)

      • Dany_M

        28 Marzo 2014 at 15:22

        Non ho assunto io il pilota e il collaudatore che provavano le soluzioni della Ferrari sulla McLaren, è stato il tuo amico LCdM.
        Se poi tu sei contento che abbiano 3 piloti spagnoli sotto contratto cavoli tuoi.
        A me sembrano un tantino superflui sia Genè che De la Rosa, due piloti mediocri per giunta.

        Poi cosa ne sai di chi o cosa tifo io?
        Puoi solo star certo che Alonso non lo tiferò mai proprio per la storia che hai citato.
        Sai si chiama coerenza, una cosa che è sempre più rara in Italia

      • ASOT

        28 Marzo 2014 at 18:30

        Torna sul piatto di pasta , ferraglia!

  2. michele

    28 Marzo 2014 at 15:33

    LOL!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati