Bahar: Quattro Lotus sono meglio di due

Bahar: Quattro Lotus sono meglio di due

Dany Bahar, chief executive officer per il Gruppo Lotus, ha parlato della possibilità che il prossimo anno ci possano essere due team Lotus sulla griglia di partenza del mondiale.
Il recente accordo tra il Gruppo Lotus, di proprietà della Proton, ed il team Renault, ha messo in difficoltà la squadra di Tony Fernandes, che nel 2010 ha partecipato al campionato con il nome Lotus team.
Fernandes sembra non voler demordere e si schiererà ancora con lo storico marchio nel 2011. Davanti alla prospettiva di avere due team con la stessa denominazione Bahar ha detto: “Non è un problema, quattro monoposto Lotus sono meglio di due. Non ho nulla in contrario a proposito, per noi questa è una promozione del marchio e non una potenziale fonte di confusione o concorrenza”.
Bahar ha quindi spiegato le ragioni che hanno spinto il gruppo a troncare il contratto con Fernandes e rivolgersi alla Renault: “Credo che il nostro marchio debba partecipare a tutte le corse automobilistiche, ma non per il gusto di partecipare, per il gusto di vincere. E’ per questo che ci siamo rivolti ad una delle cinque squadre più forti del mondiale, credo che abbiano il potenziale per vincere gare e mondiali. Costruire e portare al successo una squadra che parte da zero, come il team di Fernandes, è sicuramente una soddisfazione maggiore, ma sono necessarie una quantità di tempo e risorse che noi, in questo momento, non possiamo permetterci”.

Roberto Ferrari

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

13 commenti
  1. Ingenuo

    9 Dicembre 2010 at 10:37

    Ah come dire perché non facciamo come Red Bull? due Team Lotus e due Lotus Renault tanto abbiamo fino al 2017 per per acquisire l’ex Lotus F1 Racing (e non Lotus Team come nell’articolo) poi li ci metteremo dei Vettel di prova poi li porteremo all’ex Renault con la quale un giorno vinceremo…

    E come dargli torto: 2 is meglio che one…

  2. Beppe

    9 Dicembre 2010 at 11:33

    Sembra il gioco delle tre carte.
    Ma io sinceramente non ho capito molto.

    Beppe
    Redbull

  3. visce5schumythebest

    9 Dicembre 2010 at 11:49

    questa storia mi ricorda simile alla Red Bull e Toro Rosso…

  4. Enzo

    9 Dicembre 2010 at 12:05

    si ma la chiamassero almeno Lotus Malaysia Racing … sennò non ci si capisce piu nulla…!
    O meglio, per gli esperti, non cambia nulla..x mazzoni sarà un incubo!

  5. LucaR

    9 Dicembre 2010 at 12:40

    @visce5schumythebest

    E in cosa? Là avevamo 2 nomi ed un proprietario unico, qui un solo nome e due proprietari in conflitto tra loro!

    L’ESATTO OPPOSTO!

  6. LucaR

    9 Dicembre 2010 at 13:13

    cqm una delle 2 lotus è illegittima, io credo che abbia ragione Fernandes ma vada come vada, spero che si arrivi ad una soluzione prima di marzo!

  7. SEZAR

    9 Dicembre 2010 at 18:15

    Ma cmq vada, il team in cui gareggia Kubica porta cn sè il nome Lotus come sponsor ufficiale soltanto!! Invece il Team Lotus d Fernandes è la costruttrice del telaio o no??

  8. Lol

    9 Dicembre 2010 at 18:54

    Si ma poveri noi con Mazzoni che non saprà distinguerli

  9. LucaR

    9 Dicembre 2010 at 18:54

    @SEZAR

    Credo che anche i telai di Kubica e Petrov si chameranno Lotus, lo avrebbe detto Bahar…

  10. LucaR

    9 Dicembre 2010 at 18:54

    ah, ovviamente non saranno gli stessi!!!

  11. r26

    9 Dicembre 2010 at 19:58

    la lotus di kubica e petrov è la renault con nome lotus ma gli ingegneri che la progetteranno sono gli stessi che hanno progettato la r30 quest’anno

  12. Davide

    9 Dicembre 2010 at 20:43

    Non potevano dare semplicemente lo sponsor e chiuderla lì? Infondo anche Renault è un marchio storico della F1, farlo scomparire per avere due Lotus (o meglio, quattro) è triste …

  13. LucaR

    10 Dicembre 2010 at 11:05

    Ma guarda che la seconda Loyus è arrivata in f1 solo per fare pressione alla prima, già nel 2003 la proton cercò di comprare il marchio di Hunt…è una guerra che dura dal 1996.
    Cqm hai ragione, è triste!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati