Whiting: “Sono un fan del DRS”

Per il direttore di gara della F1 non semplifica i sorpassi

Whiting: “Sono un fan del DRS”

Charlie Whiting difende il DRS e ospite dell’evento Autosport International risponde alle critiche sull’eccessiva semplificazione dei sorpassi.

“Sono un grande sostenitore di questo sistema che in molti ritengono snaturi il lavoro del pilota – ha ammesso – A mio parere prevede invece molta abilità di valutazione. Se si esce da una curva più rapidi di chi è davanti allora la manovra è facile, altrimenti se si va alla stessa velocità per farcela chi è dietro deve essere lontano al massimo di tre decimi, oppure se si procede uguali all’inizio della zona d’apertura dell’ala mobile ci si trova affiancati in frenata, di conseguenza il ragionamento da fare diventa piuttosto complesso”.

Quindi interrogato sulla proposta di aumentare le possibilità di utilizzo del congegno in corsa, il direttore di gara del Circus ha risposto: “Prima del 2013 lo si poteva attivare quante volte si voleva sia nelle libere che in qualifica, poi visti gli incidenti causati da un uso anticipato abbiamo deciso che era il caso di limitarlo a certi tratti del circuito”.

Chiara Rainis

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

18 commenti
  1. Venom

    12 Gennaio 2014 at 11:46

    Resta però il fatto che il sistema ti aiuta
    ad avvicinarti a chi ti precede.
    E una volta che gli sei dietro abbastanza
    vicino, passi con relativa facilità.
    Chi è davanti non ha armi per difendersi.

    Non vengano a dire che i sorpasso non siano
    stati snaturati.

    • Venom

      12 Gennaio 2014 at 11:47

      i sorpassi….

    • reaper

      12 Gennaio 2014 at 13:08

      serve a sorpassare o difendersi da un tentato sorpasso in egual misura, la gestione del Kers è a discrezione del pilota e questo ne fa sicuramente una variabile intelligente.

      • Venom

        12 Gennaio 2014 at 14:19

        Il DRS per difendersi NON è MAI servito!

      • Federico Barone

        12 Gennaio 2014 at 15:03

        Si parla di DRS, non di KERS…

  2. Raphael

    12 Gennaio 2014 at 13:35

    Hanno la faccia come il cu…

  3. Tizi65

    12 Gennaio 2014 at 14:01

    Io farei in modo di rendere più importante motore e aderenza meccanica ma se nella stanza dei bottoni della formula 1 si continua a privilegiare l’esasperazione dell’aerodinamica è chiaro che per vedere due sorpassi l’unico modo é il drs. Altrimenti con un aerodinamica tanto critica si vedrebbe una fila indiana dalla partenza all’arrivo.

  4. kimi79raikkonen

    12 Gennaio 2014 at 15:33

    dimettiti whiting fai morire la F1!

  5. nix

    12 Gennaio 2014 at 15:57

    Più che altro è un fan del barbera

  6. gtv916c

    12 Gennaio 2014 at 16:01

    Anche col DRS si sono visti bei sorpassi. Se ne sono visti anche di banali, ma se chi precede è in gamba comunque c’è quasi sempre lotta o il tentativo di controsorpasso alla curva dopo. Se il rovescio della medaglia è il sorpasso al box o quando gli alettoni davanti erano stretti e chi seguiva troppo da vicino perdeva il 40% del grip per le turbolenze allora meglio il DRS.

    • kimi79raikkonen

      12 Gennaio 2014 at 17:33

      allora i piloti di oggi senza DRS non hanno mai le palle, rivoglio i piloti con le palle come Mansell, Schumacher, Hill, Villeneuve, Senna, Prost!

      • gtv916c

        12 Gennaio 2014 at 19:36

        Non è una questione di pilota o di palle. E’ più un fatto tecnico. Freni in carbonio ed aerodinamica hanno reso quasi impossibile sorpassare con spazi di frenata di pochi metri e impossibilità di stare in curva attaccati all’auto che precede. Bisognava trovare qualcosa che permettesse di nuovo di vedere i sorpassi.

    • Tizi65

      12 Gennaio 2014 at 21:20

      E’ vero concordo con gtv916c. Purtroppo al punto in cui siamo con l’esasperazione aerodinamica o si rifá tutto daccapo o altrimenti diciamo che il drs alla fine è il male minore, meglio così che il sorpasso ai box.

  7. hero

    13 Gennaio 2014 at 10:25

    Il DRS per me è una boiata pazzesca,i sorpassi dovrebbero essere fatti perchè si è capaci e non perchè si schiaccia un bottone…

  8. michele

    13 Gennaio 2014 at 11:19

    Come ti vedo,

    mi si contorcono le budella.

    Non ti sopporto, mi dispiace.

    Che ci posso fare?

  9. Dany_M

    13 Gennaio 2014 at 11:45

    Non servono queste diavolerie per i sorpassi, servono vetture diverse e piste giuste.
    Ci vorrebbe più aderenza meccanica e meno aerodinamica. Via diavolerie elettroniche e vetture più difficili da portare al limite. Allora si che si vedrebbero i piloti veri e quelli paganti ma senza talento sparirebbero dalla griglia.
    Con vetture più difficili da guidare in automatico si tornerebbe a vedere l’errore di guida, che porterebbe alle battaglie ruota a ruota.
    Inoltre ci sono le piste nuove dove non ha assolutamente senso correre. Tipo Abu Dhabi fa davvero schifo come tracciato e anche col DRS i sorpassi sono pochi.

    Poi magari mi sbaglio ma io la penso così.

  10. Controaltare

    14 Gennaio 2014 at 13:46

    Col DRS abbiamo visto nei lunghi rettilinei macchine che erano lontanissime, avvicinarsi rapidamente alla macchina che stava davanti e superarla fin troppo agevolmente. Questo non va bene, a meno che non si dia la possibilità a chi sta davanti di usare una strategia difensiva, tipo poter cambiare più di 2 volte la traiettoria per chiudere la strada a chi tenta il sorpasso..

  11. eiskalt

    16 Gennaio 2014 at 20:06

    beh dai su con il DRS ce piu spetacolo nel senso ci sono moltio piu sorpassi….

    l`unica cosa e che il pilota davanti nn si puo difendere praticamente vedere battaglie vere.

    xke anche io sorpasso vettel se ho la macchina che va a 60 km/h piu veloce in retilineo 😀

    dipende tutto dal cu… del pilota nei soprassi come ai beri tempi… che prevaleva piu la bravura dei piloti e sopratutto ma mecchanica e la potenza del motore.. nn come oggi che l`aerodinamica e la tecnologia fanno la diferenza…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati