Whiting pensa alla partenza da fermo dopo la safety car

L'idea verrà discussa a Hocknheim. Le partenze dietro la SC erano state fonte di enormi critiche

Whiting pensa alla partenza da fermo dopo la safety car

Come la maggior parte degli appassionati di Formula 1 ben sa, la partenza è il momenti di maggiore adrenalina dell’intero week end. Pochi attimi durante i quali può accadere di tutto, possono verificarsi incidenti e contatti e soprattutto i piloti hanno l’opportunità di guadagnare posizioni. È proprio per questo motivo che ha suscitato grande clamore e molto scontento da parte dei tifosi la decisione, presa dal direttore di gara Charlie Withing, di far partire la gara dietro la safety car in due occasioni nella stagione 2016.

Il primo caso risale alla gara di Monaco, dove la vettura di sicurezza ha condotto il GP per ben sette giri, durante i quali sono fioccate le proteste degli spettatori, specie via web. Un episodio analogo si è verificato appena due settimane fa in Inghilterra, dove la gara è stata fatta partire dietro la vettura di sicurezza nonostante non stesse ormai più piovendo, e la pista di Silverstone abbia vie di fuga ben più ampie rispetto a Montecarlo.

Le violente proteste e la pungente satira che hanno seguito la decisione di Whiting hanno spinto le alte sfere della F1 a ideare un sistema alternativo, per evitare di far andare ancora in scena la partenza lanciata che per nulla piace ai fan. La soluzione sarebbe quella di far percorrere alcuni giri dietro alla safety car, quando le condizioni del tracciato non sono ottimali, e poi di far schierare nuovamente le vetture in griglia, in modo di non sacrificare la partenza da fermo.

Questa soluzione permetterebbe di realizzare una sorta di warm up che possa consentire ai piloti di prendere le misure al tracciato, rendendosi conto degli spazi di frenata, dell’aderenza e delle traiettorie ottimali. Un compromesso che consentirebbe comunque di partire dalla griglia, con tutte le emozioni e le incertezze che lo start da fermo garantisce.

Questa idea verrà discussa da Whiting e dai team principal delle scuderie impegnate nel Mondiale a Hocknheim, la prossima settimana. Idea che già è stata accolta con favore dai fan. Tra i dettagli da stabilire, ci sarà quello che riguarda il conto dei giri dietro la vettura di sicurezza, se essi vadano scalati dal numero totale delle tornate previste o possano essere considerati giri “extra”.

Lorenzo Lucidi

Whiting pensa alla partenza da fermo dopo la safety car
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

3 commenti
  1. Radioattivo

    22 luglio 2016 at 16:31

    Charlie Withing deve andare di corsa in pensione! Cosa c’entrano i giri per saggiare la pista con la partenza da fermo?????? Pensasse a togliere le gru dai tracciati.. i piloti partono sotto da pioggia dagli albori della F1. Penso a un Senna, Mansell, Prost ma anche Schumy ed altri avrebbero riso in faccia a sentire di doversi fare 10 giri davanti la safety car perchè sarebbero incapaci di partire con la pioggia!

  2. Caribe

    22 luglio 2016 at 16:44

    In effetti può essere un compromesso che ha senso.

    Comunque per forza di cose i giri conteranno come giri di gara perché altrimenti si dovrebbe consentire un rabbocco di benzina.

  3. Francesco

    22 luglio 2016 at 21:19

    …e perché non facciamo come si faceva una volta che esistevano i piloti con le palle, tipo Ayrton Senna e Michael Schumacher che sul bagnato erano dei grandi, si partiva sul bagnato e ti facevano stare con il cardiopalma per tutta la gara…
    Altri tempi…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati