Webber: “Vettel ha ignorato gli ordini di scuderia”

Scintille tra i due piloti Red Bull dopo la gara

Webber: “Vettel ha ignorato gli ordini di scuderia”

Mark Webber ha detto che Sebastian Vettel ha ignorato le istruzioni del team Red Bull per rubargli la vittoria in Malesia.

Vettel ha superato Webber per la vittoria in una battaglia in cui sono andati a stretto contatto ruota a ruota diverse volte.

Nella stanza dei piloti dopo la gara, un Webber arrabbiato ha affrontato Vettel con la frase “multi 21”, che si ritiene essere il codice squadra per il congelamento delle posizioni.

Webber ha confermato in un’intervista sul podio che Red Bull aveva chiesto di mantenere le posizioni, ma Vettel avrebbe ignorato le istruzioni.

“Dopo l’ultima fermata la squadra mi ha detto che la gara era finita e abbiamo impostato il motore per andare fino in fondo”, ha detto Webber.

“Alla fine Seb ha fatto le sue scelte oggi e beneficia di una protezione come al solito, e questo è il modo in cui vanno le cose.”

“Sono rimasto deluso del risultato della gara di oggi.”

Webber: “Vettel ha ignorato gli ordini di scuderia”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

167 commenti
  1. Maria

    24 marzo 2013 at 13:14

    sì certamente Mark, tu invece in Brasile 2012 sembrava che corressi per Ferrari.
    Seb è un signore a scusarsi con te, tu a 36 anni suonati ti comporti ancora come un lattante!

    • K20™

      24 marzo 2013 at 13:22

      Vettel ignora gli ordini di scuderia impartiti dalla stessa RB e ora Webber è un lattante?
      Mi son dovuto perdere qualche passaggio…

      Vettel ha iniziato ad andare più forte di Webber solo a fine gara, con Webber in modalità ECO, altrimenti dal live timing, Mark è stato costantemente più veloce del tedesco per tutta la gara

      Mi spiace ma, mai come stavolta Vettel ha fatto la figura del bambino.

      • Maria

        24 marzo 2013 at 13:53

        in Brasile 2012 Webber (che era credo 4° in campionato e fuori dalla lotta iridata) ha tentato ripetutamente di buttare fuori Vettel, e tutti a dirgli bravo, che faceva la sua gara.
        Vettel oggi si è ripreso il dispetto con gli interessi, se vi piace tanto Webber prendetevelo in Ferrari!

    • Max Bassanet

      24 marzo 2013 at 13:31

      vettel è un campione che ha vinto 3 titoli ma umanamente è una merda !!! d’altronde è un crucco.

      • Federico Barone

        24 marzo 2013 at 14:32

        Non sono tutti così, te l’assicuro.

        Heidfeld e Frentzen sono solo 2 esempi, ma ve ne sono tantissimi altri.

    • faber

      24 marzo 2013 at 14:17

      ma vergognati Maria. avesse chiesto Alonso di far spostare massa adesso saresti qui a fare fuoco e fiamme. invece siccome l’ha fatto seb va bene, anzi è l’essenza delle corse. VERGOGNATI

    • faber

      24 marzo 2013 at 14:18

      ha! mi commenti il “get him out of the way!!”?

      • Maxfunkel

        24 marzo 2013 at 14:27

        e quel “silly” meraviglioso!!!

      • Maria

        24 marzo 2013 at 17:51

        Mark era più lento e non solo dagli ultimi 10 giri, Seb era inseguito dalle 2 Mercedes.
        Che c’è di diverso dal “Felipe, Fernando is faster than you”?

      • faber

        24 marzo 2013 at 18:34

        quello veramente penoso è che ti sei sempre scagliata contro queste cose, e ora fai spallucce… sei una comica.

      • Francesco

        25 marzo 2013 at 15:09

        …che coglion@!!!

    • Federico Barone

      24 marzo 2013 at 14:34

      Eppure il vaso era grande a sufficienza… eddai! Impegnati di più, la prossima volta.

      • Frenk

        24 marzo 2013 at 15:10

        Per una mer dina era grande a sufficenza,ma il destinovuole che l’erba verde non muore mai…

  2. Weih

    24 marzo 2013 at 13:59

    1)”Webber is too slow, get him out of the way!”
    Se questa frase l’avesse detta Alonso a Massa, apriti cielo! Altro che <>, avreste berciato di tutto contro Fernando e la Ferrari. L’obiettività latita…

    2)Redbull e Mercedes palesano evidenti ordini di scuderia, perchè si rumoreggia solo quando accadono in casa Ferrari?

    3)Per evitare il magheggio ai suoi danni, Webber è costretto a rientrare di sua iniziativa, senza che ci fosse un solo meccanico pronto per lui. Perchè si grida al gombloddo solo quando certe cose riguardano la Ferrari?
    Dov’è il popolo indignato?! …l’ipocrisia domina.

    • faber

      24 marzo 2013 at 14:15

      e sopratutto, perchè maria, anonima e frederik non rispondono a questo tuo commento? troppo scomodo?

    • Maxfunkel

      24 marzo 2013 at 14:28

      concordo appieno.

    • anonima tifosa vettel

      24 marzo 2013 at 16:00

      Guarda tranquillo se ci sara’la possibilita di incontrarlo,lo sculaccio e gli dico bimbo cattivo hai vinto la gara e hai fatto morire di rabbia alcuni tifosi ferraristi.Non si fa cosi’ Webber piccolo cangurotto non vince mai,quando e’ davanti anche se sei piu’ veloce non lo superare lascialo vincere cosi’gli fai un regalo tale e quale a quello del 2011 quando lo hai lasciato vincere in Brasile..E noi ci risparmiamo alcuni commenti che anche se ci fanno ridere e gioire di rosikamento totale.

      • faber

        24 marzo 2013 at 16:09

        siete i campioni del mondo di giro della frittata.

      • faber

        24 marzo 2013 at 16:11

        se pescassero seb a rapinare una banca trovereste comunque il modo di difenderlo. oggi ha sbagliato, la squadra lo ha bacchettato, dovreste prenderne atto invece di trovare scuse e argomentazioni ridicole.

      • Maxfunkel

        24 marzo 2013 at 17:41

        Anonima tu che sai tutto della Red Bull mi dici cosa vuol dire quel “multi21” detto a più riprese da Webber a Newey con voce talmente alta da farsi sentire da vettel?

      • Weih

        24 marzo 2013 at 18:37

        Hai scritto solo boiate senza rispondere a nessuna domanda. Lo prendo come un evidente atto di resa: “Ops, siamo uguali alla Ferrari… meglio far finta di nulla.”

    • Maria

      24 marzo 2013 at 18:09

      @Weih:
      1) Hockenheim 2010 “It’s ridiculous” – cambiano le parole ma il senso è lo stesso.
      PS: non mi ricordo a memoria il team radio di Rosberg ma se vogliamo il buon Nico mi pare abbia detto qualcosa di simile oggi…
      2) ho criticato anche quelli Mercedes, se sei su Twitter ti inoltro il tweet che ho mandato alla Mercedes durante la gara
      3)allora anche Webber ha sbagliato a rientrare senza avvisare i meccanici, non ha collaborato col team.
      Perché certe cose sono sbagliate SOLO quando le fa Vettel?
      E quando le faceva un certo Schumacher mentre guidava per Ferrari erano giuste?

      • faber

        24 marzo 2013 at 18:35

        e vvai altra campionessa del mondo di giro della frittata. perfetto coerenza al 100%.

      • faber

        24 marzo 2013 at 18:41

        il fatto è che glielo ha detto la squadra che ha sbagliato, gli ha detto che ha fatto una cosa stupida e che avrebbe dovuto dare spiegazioni. ma tu da innamorata di Flettel distorci tutto. la differenza con “fernando is faster than you” è che quella veniva dai box, mentre oggi il tuo seb ci ha deliziato con “get him out of the way”, musica per le mie orecchie. se quando lo faceva la ferrari era orribile, perchè oggi va bene? perchè lo ha detto il tuo Seb??? non ci siamo Maria…..

      • Weih

        24 marzo 2013 at 18:45

        -“Hockenheim 2010 “It’s ridiculous” – cambiano le parole ma il senso è lo stesso.”

        Brava, e allora perchè non sento la vostra indignazione? Anzi, siete tutti a prendere in giro Webber… immagino che da ora in poi, ogni volta che ripeterete fino alla nausea la frase di Alonso, noi potremo rispondere con un bel “Silly!”

        -“ho criticato anche quelli Mercedes, se sei su Twitter ti inoltro il tweet che ho mandato alla Mercedes durante la gara”

        Manca la critica agli ordini di scuderia Redbull, che solo per caso non sono stati rispettati… ma c’erano.

        -“allora anche Webber ha sbagliato a rientrare senza avvisare i meccanici, non ha collaborato col team.”

        Webber sbaglia, la Ferrari lascia deliberatamente in pista Massa per farlo passare da Alonso. Anche qui qualcosa non va, con voi è errore, con la Ferrari è gombloddo…

  3. Maxfunkel

    24 marzo 2013 at 15:27

    “That’s silly Seb, c’mon!”

    Silly Seb bel nomignolo che gli ha dato il suo ingegnere, lo useremo anche noi da adesso in poi!!!!!

  4. Maxfunkel

    24 marzo 2013 at 15:30

    “That’s silly Seb, c’mon!”“That’s silly Seb, c’mon!”“That’s silly Seb, c’mon!”“That’s silly Seb, c’mon!”“That’s silly Seb, c’mon!”“That’s silly Seb, c’mon!”“That’s silly Seb, c’mon!”“That’s silly Seb, c’mon!”“That’s silly Seb, c’mon!”“That’s silly Seb, c’mon!”“That’s silly Seb, c’mon!”“That’s silly Seb, c’mon!”“That’s silly Seb, c’mon!”“That’s silly Seb, c’mon!”“That’s silly Seb, c’mon!”“That’s silly Seb, c’mon!”“That’s silly Seb, c’mon!”“That’s silly Seb, c’mon!”“That’s silly Seb, c’mon!”“That’s silly Seb, c’mon!”

    • Maxfunkel

      24 marzo 2013 at 15:31

      😉

      • Maxfunkel

        24 marzo 2013 at 15:32

        si era incantato il copia incolla… non sono bravo come certe ochette ad usarlo ah ah ah

  5. myselene

    24 marzo 2013 at 16:04

    ragazzi, ma le squadre servono a questo, non a caso si chiama gioco di squadra, altrimenti ci sarebbero state 22 scuderie, ognuno battendosi per proprio conto.. addirittura c’hanno pure i codici per indicare i vari ordini di scuderia, alla faccia delle critiche a “massa-alonso”

  6. Stonami77

    24 marzo 2013 at 16:56

    Mark..la prossima volta buttalo fuori a stò paraCXlato..

  7. MANOLOBIECT

    24 marzo 2013 at 19:22

    carissimi lettori,tifosi e appassionati del motorsport,facciamo sapere a questi “signori” della formula uno che loro alla formula uno non appartengono!
    La formula uno è la definizione di ciò che si vedeva anni fà quando la storia e prima ancora le pagine inchiostrate dei quotidiani sportivi e non le scrivevano in pista Ayrton Senna, Nigel Mansell,Alain Prost,Niki Lauda e company…
    è inammissibile che siamo al 2 Gran Premio della stagione 2013 e si sente parlare di ordini di scuderia!!!Questa è la formula uno???NO!!! O almeno non quella che vogliamo vedere noi appassionati di motori,che invece piace tanto a questi “signori” che si vestono come cartelloni pubblicitari perchè il vero loro motore,la vera loro passione sono i soldi.
    Aboliamo i team radio e lasciamo liberi i piloti di fare la propria competizione con il loro spirito,talento ed emozione;la pista deve essere una savana!!!

  8. Riccardo_63

    24 marzo 2013 at 20:27

    Scusate Maria, Anonima ed altri vettel-fan, ma credete veramente che la rb diamo un mezzo che costa miliardi di € ad una persona e questa si permetta di non obbedire a degli ordini del suo direttore sportivo??? ma lo appendo per gli organi riproduttivi se fa una cosa del genere, non m’importa se è un campione, io lo pago e lui esegue. Se vuol fare di testa sua fond auna scuderia caccia i dindini e fa lo sborone, io ho investito miliardi mi serve un ritorno non uno spaccone che mette a rischio il mio investimento.

  9. MSC Crociere

    24 marzo 2013 at 21:05

    invece e’ esattamente il contrario, se Alonso avesse ignorato gli ordini di scuderia tutta Italia lo avrebbe acclamato con storie del tipo:

    che personalita’!
    che talento!
    un leone mai domo!

    ipocrisia a palate

    • MSC Crociere

      24 marzo 2013 at 21:06

      commento in risposta a WEIH

    • Maxfunkel

      25 marzo 2013 at 07:52

      questo lo pensi tu… anzi lo sogneresti per dargli contro…

    • Weih

      25 marzo 2013 at 15:08

      Non c’entra una benemerita con quello che ho scritto! Non ho nè criticato, nè esaltato Vettel per aver ignorato gli ordini di scuderia: sono un ferrarista, le politiche delle altre squadre non mi interessano, nè mi permetto di andare a fare la morale a casa degli altri. Le beghe fra Webber e Vettel le lascio ai loro tifosi.
      L’ipocrisia sta nel fatto che quando in Redbull succede qualcosa fra i piloti, è sempre un errore in buona fede, quando succede alla Ferrari è sempre un complotto pro-Alonso. E quante ne ho dovute sentire dopo il “it’s ridiculous!”… ora invece pare che Seb abbia fatto bene a chiedere di togliere Webber di mezzo! Tutti fanno spallucce! Questa è ipocrisia a palate!

  10. Augu

    24 marzo 2013 at 22:39

    Non spendo ulteriori parole sull’accaduto perché tante ne abbiamo già dette..mi immagino e comprendo però che ad Horner la cosa non vada tanto giù. Innanzitutto perché siamo alla seconda gara ed i punti in casa arrivavano lo stesso…ma soprattutto perché essendo una squadra e’ importante mantenere coesione tra tutti ma soprattutto, evidentemente tra i piloti…d’ora in avanti Webber sarà sicuramente meno compagno di Vettel…è tale situazione evidentemente non può che nuocere al Team…a meno di avere la certezza di avere comunque un titolo in tasca….ma quest’anno non è così’ e serviranno due piloti uniti…ora probabilmente non più…

    • mattia

      25 marzo 2013 at 12:30

      La Red Bull ha clamorosamente SBAGLIATO a dare ordini di scuderia alla 2^ GARA su 19.

      VERGOGNA!!! VERGOGNA!!! VERGOGNA!!!

      VETTEL ha fatto non BENE, BENISSIMO a passare Webber che andava al risparmio gomme…
      Se vuoi risparmiare le gomme per arrivare al traguardo tranquillo, allora NON PUOI PRETENDERE di VINCERE e che il tuo compagno di squadra (che è il tricampione mondiale in carica e lotta per il titolo anche quest’anno)
      resti buono buono in coda
      Ma andiamo signori!!! Questa è la F1 (competizione estrema ai massimi livelli tecnici e agonistici) non una gara per DOPO-LAVORISTI.
      La F1 non è una COMPETIZIONE di DURATA o di RESISTENZA, è la VELOCITA’ PURA e DEVE VINCERE SEMPRE e COMUNQUE il PIU’ PILOTA piu’ COMPETITIVO

      Provo vergogna e tristezza per le dichiarazioni di Horner…
      La Red Bull mi ha profondamente deluso.
      😉

  11. mmaarrccoo

    25 marzo 2013 at 18:15

    Direi che gli ordini di scuderia sarebbero da bandire dal regolamento. Dopotutto che senso ha che un pilota più forte non possa dimostrare il proprio talento su di un altro? E’ un controsenso per lo sport e Webber doveva dimostrare di meritare la posizione sulla pista non grazie al muretto. Detto questo però, nel momento in cui gli ordini sono regolamentati, sono stati impartiti, esistono squadre con due piloti ed esiste il campionato costruttori… E’ evidente che Vettel non è stato corretto, perlomeno dal punto di vista etico. Infatti non credo che si senta tanto bene dentro ora.

    • Maria

      25 marzo 2013 at 23:00

      sinceramente, non credo che Vettel se ne freghi più di tanto. Sì ha fatto finto di scusarsi ma per quello che so io di Vettel non credo che sia troppo dispiaciuto.
      Ieri era imbarazzato per la figuraccia fatta in mondovisione, e magari aveva paura che Webber lo riempisse di botte 😉
      Ma alla fine quello che conta per lui è vincere, è il suo carattere, e se esiste il campionato costruttori esiste anche quello piloti – Webber poteva vincere nel 2010 ma andò a schiantarsi contro un muro in Corea da solo, non è stato certo Vettel a buttarlo fuori.
      E se perdi l’occasione di dimostrare il tuo valore in pista non puoi poi pretendere di vincere grazie agli ordini di scuderia.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | Alexander Albon ha chiaro il suo futuro

"Ho quattro giorni di test a Barcellona e non ho mai guidato una macchina di Formula 1. Ma voglio arrivare preparato a Melbourne"
Alexander Albon, pilota della Toro Rosso, ha confessato di affrontare la stagione del suo debutto in Formula 1 con l’obiettivo