Symonds: “Haas modello negativo per la F1”

Per il dt Williams il rischio è di distruzione del concetto di team costruttore

Symonds: “Haas modello negativo per la F1”

Forse non sarà d’accordo Esteban Gutierrez, al box in anticipo in entrambe le gare finora disputate, tuttavia le prestazioni della debuttante Haas nelle mani di Romain Grosjean, sesto a Melbourne e quinto in Bahrain, hanno fatto gridare al miracolo o quasi.

Veloce ed affidabile la VF16 ha esaltato spettatori e gente varia del paddock ma altresì generato correnti scettiche, Bernie Ecclestone in primis, che ha parlato di auto vincente solo in quanto Ferrari mascherata.

Un pensiero simile e altrettanto pungente lo ha espresso il direttore tecnico Williams Pat Symonds: “Il concetto di “costruttore” finirà per distruggersi – la stoccata al New York Times – Ed è probabile che sia proprio la volontà di qualcuno. Il team americano ha fatto un ottimo lavoro per i propri interessi ma non per la F1. Insomma a mio parere l’ha portata nella direzione sbagliata”.

Chiara Rainis

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

10 commenti
  1. sterla

    5 Aprile 2016 at 10:41

    si vede che symonds è un ignorante, la haas in usa(nascar) si è fatta il suo team dapprima appoggiandosi ad un altro team (hendrick) poi piano piano a cominciato a rendersi sempre più indipendente. credo che farà cosi anche in f1 se hanno un progetto a medio-lungo termine.
    sarebbero stati dei pazzi ad entrare in f1 senza “aiuti”, avrebbero fatto solo figuracce e magari mollato subito…

  2. hero

    5 Aprile 2016 at 10:46

    Beh ma la Williams in questi ultimi anni ha potuto godere di un grande trattamento di favore da parte della Mercedes quindi non capisco quale sia il problema,inoltre non è vero che la Haas è una Ferrari mascherata,il telaio e della Dallara.

  3. antonio6840

    5 Aprile 2016 at 10:54

    Rispetto le parole di Symonds, che peraltro mi sembra persona equilibrata, però sono convinto che se le Williams fossero arrivate davanti alla Haas ora lo stesso Symonds & Co. sarebbero ad esaltare la sfida e ad augurarsi l’ingresso a nuovi avversari ecc. ecc.

  4. cpJack

    5 Aprile 2016 at 10:58

    ma questo lo sa per chi lavora ??? la william ha iniziato propio comprando le machcine dagli altri XD

  5. Federico Barone

    5 Aprile 2016 at 11:49

    E comunque abbiamo la Toro Rosso in pista, che ha avuto non poco sostegno dalla Red Bull, nella sua storia.

    Che c’è? (Tutti) Fanno le regole male – in quanto sono tutti sulla stessa barca e ci vuole l’unanimità – fanno di tutto per rovinare la F1, che si avvia al disastro… e se ne accorgono solo ora?

    Quali sarebbero i modelli positivi per la F1? Quelli che fanno i test di nasconsto e non vengono puniti? O magari lui e Briatore?

    Non so, faccia delle proposte… tanto ormai la fine è avviata, non si può che migliorare.

  6. Dariok

    5 Aprile 2016 at 12:52

    con le regole attuali è l’unico modo per entrare in F1 sennò si fa una fine peggiore della Catheram &co

  7. Actarus

    5 Aprile 2016 at 13:07

    La Volkswagen non vuole (ufficialmente) entrare in F1 per le regole incerte che rischiano di vanificare gli elevati investimenti. E doveva farlo la Haas? In futuro probabilmente diventerà più autonoma ma intanto c’è una squadra in più di un certo livello!

  8. Ray74

    5 Aprile 2016 at 20:25

    Ancora parla Questo? Ma non sono loro che forniscono “qualcosa” alla Manor?

  9. Riccardo_63

    5 Aprile 2016 at 21:35

    Ma se sono sempre esistiti i costruttori e gli assemblatori

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati