Sauber, la decisione di non investire nei diffusori costerà milioni

Sauber, la decisione di non investire nei diffusori costerà milioni

La decisione di non investire in ricerca e sviluppo nel campo dei diffusori soffiati potrebbe costare alla Sauber parecchi milioni di Euro. In luglio, nel bel mezzo della polemica sui diffusori, il team di Hinwil ha deciso di non investire in una tecnologia che sarà messa al bando dalla F1 per il 2012.

Altri team di media classifica, comunque, hanno intrapreso un approccio opposto e la Sauber ora sta per retrocedere alle spalle della Toro Rosso perdendo il settimo posto nel mondiale costruttori.

In riferimento al Patto della Concordia che sancisce la distribuzione dei ricavi dai diritti TV in base alla classifica iridata, il giornale svizzero Blick scrive che la decisione della Sauber potrebbe essere disastrosa per le finanze del team elvetico: “Pensavamo che a luglio la FIA sarebbe andata avanti con il divieto quindi abbiamo bloccato lo sviluppo, per motivi economici!” ha dichiarato Peter Sauber.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

24 commenti
  1. Federico Barone

    3 Novembre 2011 at 19:14

    Decisione sbagliata, purtroppo… spero si possano riprendere nel 2012.

    • Paolo C.

      4 Novembre 2011 at 18:03

      Non è detto. Si devono ponderare le spese di sviluppo rispetto agli introiti che si avrebbero arrivando in una certa posizione in classifica costruttori.

      Magari i soldi risparmiati quest’anno verranno buoni per la macchina dell’anno prossimo.

  2. Vincenzo

    3 Novembre 2011 at 19:19

    Beh può sempre rivolgersi alla maFIA me avere un indennizzo, questi alla faccia del risparmio con continui cambiamenti delle regole e tante volte a campionato inoltrato stanno facendo spendere più di quanto preventivato ma se ne andassero tutti a fà @@@@ sarebbe la salvezza della F1.

  3. JoeBlack

    3 Novembre 2011 at 20:27

    Io sono contrario…
    Già l’aerodinamica spinta non consente i sorpassi… peggio mi sento se anche l’alettone posteriore gioca un ruolo così importante… e non credo sia vero che in scia “l’aria pulita” non abbia i suoi effetti sulla tenuta…
    Magari qualcuno di voi più ferratto in ingegneria può aiutarci a capire…

    • Slauzy

      3 Novembre 2011 at 20:43

      io sono un ingegnere aerospaziale. Il corpo che si presta per eccellenza ad essere studiato all’interno di una corrente indisturbata, è senza dubbio il profilo alare.
      Infatti questo, una volta immerso nel fluido presenterà un particolare campo aerodinamico, variabile a seconda dell’incidenza e dell’uso o meno di superfici chiamate ipersostentatori.
      Il profilo da noi utilizzato è di tipo concavo-convesso riproducente, a meno di una certa affidabilità, quello di un’ala in uso dagli aeromobili odierni. Per basse incidenze il fluido, giunto nei pressi del bordo d’attacco, rallenta bruscamente aumentando la propria pressione, infatti secondo il principio di Bernoulli, in un fluido la somma dei vari tipi di energia (energia potenziale, energia cinetica, energia di pressione) si mantiene costante.
      La diminuzione di pressione, dovuta al ripristino del moto del moto del fluido, sarà tanto sensibile tanto maggiore sarà l’incidenza e distribuita differentemente su tutta la superficie del
      profilo. La forma tipica di questo infatti, fa sì che nella parte superiore (dorso) la diminuzione di pressione sia maggiore rispetto a quella che si ha nella parte inferiore (ventre).
      Tutto questo determina una cosiddetta differenza di pressione.
      Ad ogni pressione è associata una forza ed a pressione maggiore corrisponde forza maggiore. Nel profilo considerato, essendo la pressione sul ventre maggiore di quella agente sul dorso, si genereranno delle forze la risultante delle quali viene definita forza aerodinamica.
      Ben evidenziata nelle foto è l’area in cui le linee rappresentanti la corrente assumono un’andamento disordinato, turbolento, a causa del distacco dello strato limite. Questo è causato dal fatto che l’energia dello strato limite viene fortemente influenzata dall’attrito dell’aria con la superficie del corpo.
      Inizialmente l’attrito è tale da differenziare semplicemente le velocità presenti nello strato limite. Infatti, così come avviene nel letto di un fiume, l’acqua che scorre in superficie, avrà velocità maggiore rispetto a quella che scorre sul fondo proprio a causa dell’attrito.
      Dopo la fase iniziale però, la diminuzione di energia (causa dell’attrito) sarà tale da costringere lo strato a distaccarsi dal corpo, cercando di riottenere l’energia perduta dagli strati d’aria adiacenti.
      All’aumentare dell’incidenza, il punto di distacco si avvicinerà sempre più al bordo di attacco per quanto riguarda il dorso, di uscita per quanto riguarda il ventre. Giunti in prossimità di un certo valore di incidenza, il repentino distacco dello strato e il conseguente moto turbolento ad esso associato, provocheranno la brusca diminuzione di forza aerodinamica e la conseguente incapacità dell’autovettura di mantenere la necessaria aderenza. Spero di essere stato d’aiuto.

      • Massi

        3 Novembre 2011 at 22:57

        Aoh??

      • Kartaero

        4 Novembre 2011 at 00:44

        Hai preso l’esame di aerodinamica con Tognaccini?

      • Frenk

        4 Novembre 2011 at 23:19

        Bravo Slauzy,Vorrei che tu scrivessi più spesso in queste occasioni. 🙂

      • Alexmah

        5 Novembre 2011 at 17:38

        Slauzy sei bravissimo a fare il copia e incolla da questo sito: http://www.ips.it/scuola/concorso/pinedo/profilo.htm

  4. Slauzy

    3 Novembre 2011 at 20:28

    Le regole andrebbero cambiate solo e unicamente per motivi di sicurezza. Per tutto il resto (la ricerca di soluzioni tecniche per migliorare le prestazioni), lascerei libero campo alle squadre. Troppe regole soffocano, e considerando che i test sono ridotti all’osso si rischia l’appiattimento.

  5. Francesco (tifoso Button)

    3 Novembre 2011 at 21:51

    Già la Sauber ha proprio fatto un passo falso! Nella prima metà della stagione ha fatto punti dappertutto… poi si è fatta rimontare clamorosamente dalla Force India e dalla Toro Rosso… peccato

  6. mauro

    3 Novembre 2011 at 23:19

    non è stata una decisione sbagliata , ma , purtroppo è la politica della f1 ad essere sbagliata.

  7. piero

    3 Novembre 2011 at 23:42

    purtroppo il loro problema e’ proprio questo. la fia aveva annunciato che vietava i diffusori soffiati, la sauber ha quibdi interrotto lo sviluppo e con il cambio di idea della fia sono rinasti fregati. Ormai con questaa fia e’ la
    solita storia, mandria di incompetenti incoerenti

  8. Cosimo (tifoso Toro Rosso, simpatizzante Ferrari) [[ a tutela della F1 fuori: Mike Coughlan e Briatore]]

    4 Novembre 2011 at 08:02

    bellissimo…la F1 moderna…. gli scarichi soffiati a me mi sono sembrati solo una stronzata, una tecnologia che non puoi riversare da nessuna parte se non nelle corse.

  9. davide

    4 Novembre 2011 at 08:30

    qui è colpa della poca chiarezza della FIA, è ovvio che una squadra non investe in un componente che viene dichiarato illegale.. mica ci si può immaginare che la FIA cambi idea 3 volte in un mese

  10. Nicos

    4 Novembre 2011 at 08:40

    Mi sono perso qualcosa?

    Cioè i diffusori soffianti NON sono più vietati dal prossimo campionato?

    • Francesco

      4 Novembre 2011 at 10:15

      Già, appunto, mi sono perso anch’io…
      Non avevano lasciato tutto com’era per quest’anno (altrimenti Horner e Newey piagnucolavano come coccodrilli dopo tutti i milioni di dollari che hanno scucito!!!) e dall’anno prossimo hanno deciso di portare in posizione più posteriore gli scarichi in modo da non poter più usare i diffusori soffiati?
      Io non ci capisco più nulla!!!

    • Mattia

      4 Novembre 2011 at 11:54

      I diffusori soffiati saranno vietati dal 2012. Quest’anno dovevano essere vietati a metà stagione, ma poi li hanno lasciati regolari.

  11. Dekracap

    4 Novembre 2011 at 10:26

    Mi pare che la decisione di andare avanti dopo silverstone sia scaturita da un accordo UNANIME dei team, dove la Ferrari fù l’ultima ad aderire, dunque con chi se la prendono…?

    • Francesco

      4 Novembre 2011 at 10:38

      OK dopo Silverstone, ma per l’anno prossimo???

      • Mattia

        4 Novembre 2011 at 11:55

        L’anno prossimo i diffusori soffiati saranno vietati.

  12. Giovanni

    4 Novembre 2011 at 11:08

    Per l’anno prossimo saranno obbligati a dirigere gli scarichi verso l’alto e addio soffiaggio caldo, ma si preannunciano ulteriori limiti.

  13. Marco L

    4 Novembre 2011 at 14:28

    Grave errore quest’anno della Sauber visto che hanno a disposizione una galleria del vento moderna e un super computer per poter fare questi sviluppi (certo ormai sono passati un po’ di anni da quando era unico…). Forse sono proprio a corto di finanziamenti e perdendo la sesta posizione ne avranno ancora meno.

  14. f1tecno

    6 Novembre 2011 at 09:38

    e allora la williams che non li ha progettati per niente?

    hanno risparmiato tanto……………

    e si trovano ultimi dei top team

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati