Raikkonen: “Nel complesso il mio feeling con la vettura è aumentato”

"Le condizioni meteorologiche hanno reso questa qualifica molto difficile"

Raikkonen: “Nel complesso il mio feeling con la vettura è aumentato”

Seconda qualifica della stagione 2014 e seconda qualifica bagnata. In Malesia un temporale torrenziale si è scatenato esattamente un’ora prima del via delle prove ufficiali, previsto per le 16. Il risultato è stato un rinvio di tutto il programma di 50 minuti. A Melbourne Fernando Alonso e Kimi Raikkonen si erano qualificati rispettivamente quinto e undicesimo, qui lo spagnolo si è migliorato di una posizione e di una fila, scatterà infatti quarto, mentre il finlandese ha recuperato cinque piazze e partirà sesto, in terza fila.

Troppo presto per parlare di monopolio Mercedes al vertice ma è un fatto che Lewis Hamilton a Sepang ha conquistato la sua seconda pole position consecutiva. In prima fila con lui Sebastian Vettel con la Red Bull, mentre a fianco di Fernando ci sarà il vincitore di Melbourne, Nico Rosberg, con l’altra Mercedes. Kimi come compagno in terza fila si ritroverà invece Daniel Ricciardo con la seconda Red Bull.

Kimi Raikkonen: “Le condizioni meteorologiche hanno reso questa qualifica molto difficile, sapevo che sul bagnato non sarebbe stato semplice ma non immaginavo di avere tanti problemi. Avevo poca trazione e in più con le Extreme Wet per qualche ragione dopo il primo giro perdevo aderenza. Ora dobbiamo cercare una spiegazione, ci servirà come esperienza per le prossime gare. Chiaramente non sono contento per la sesta posizione, ma viste le condizioni in cui mi sono trovato non posso dirmi sorpreso e adesso voglio pensare solo a fare bene domani. La gara sarà lunga e le temperature particolarmente elevate, ma sono abbastanza fiducioso perché su questo tracciato siamo andati meglio rispetto a Melbourne e se non avremo problemi possiamo pensare di ottenere un risultato migliore. Nel complesso il mio feeling con la vettura è aumentato e anche se siamo consapevoli di dover lavorare ancora molto, sappiamo di essere nella direzione giusta”.

Pat Fry: “Dobbiamo valutare in maniera positiva il risultato ottenuto oggi, perché è stata una qualifica estremamente tirata, sia per l’incognita meteo che per le condizioni delle nostre monoposto. Anche se le posizioni di partenza non sono il nostro vero obiettivo, tuttavia queste dimostrano che la squadra sta lavorando nella direzione giusta per cercare di colmare il gap che ci separa dalla Mercedes. Dopo una Q1 relativamente semplice da interpretare, i meccanici hanno fatto un lavoro straordinario sulla vettura di Fernando, riuscendo a sostituire in pochi minuti il tirante dello sterzo danneggiato nel contatto con la Toro Rosso di Kvyat. Tornato in pista in tempi record, da lì in avanti Fernando ha dovuto comunque lottare per mantenere il controllo della sua vettura e credo che in pochi al suo posto sarebbero riusciti a fare il giro che ha fatto in Q3. Merita davvero tutti i nostri complimenti. Non da meno è stata la prestazione di Kimi: sappiamo che il suo feeling con la F14 T non è ancora ideale e che sul bagnato la sua vettura ha avuto qualche problema di bilanciamento, ma credo che la sua posizione in griglia gli consentirà di attaccare. Anche qui le Mercedes continuano ad imporre il proprio passo, ma noi cercheremo di sfruttare qualsiasi occasione, anche se la priorità è finire la gara, perché mai come quest’anno l’affidabilità può essere data per scontata”.

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

6 commenti
  1. IcePack

    29 Marzo 2014 at 18:01

    Premetto che non ho seguito visivamente le qualifiche ma dal secondo posto di Vettel alle Ferrari mi sembra che la Ferrari ha problemi seri piž di quelli che sembrano , se una RB che non ha praticamente fatto i test invernali al primo GP fa il podio e al secondo GP si qualifica seconda alla Ferrari qualcuno si domandera che c___o stanno facendo????

  2. kaarlt

    29 Marzo 2014 at 18:24

    Si la Redbull è allo stesso livello della Mercedes ed era cosi anche nei test solo che non lo hanno potuto dimostrare per i vari problemi avuti…alla Ferrari devono darsi una svegliata in fretta perché il problema non sono certo i piloti porcaputt….!!!!

  3. Marcocelli

    29 Marzo 2014 at 19:03

    ….più che altro è aumentato il distacco dal tuo compagno.
    Il pilota più sopravvalutato della storia della F1.

  4. Federico Barone

    29 Marzo 2014 at 21:17

    Domani doppietta Ferrari.
    😉

  5. maurizz

    30 Marzo 2014 at 03:35

    le ferrari la ferrari e la ferrari ma non sapete parlare di altro? solo e sempre la ferrari ,forse parlate sempre della ferrari e’ perche e’ la numbre one? ammettetelo…. 😉

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati