Liberty Media, Carey: “Non americanizzeremo la Formula 1”

Il nuovo presidente della F1 vuole continuare quanto fatto da Ecclestone

Liberty Media, Carey: “Non americanizzeremo la Formula 1”

Nei giorni scorsi è arrivata l’ufficialità dell’acquisto da parte di Liberty Media della Formula 1: un’acquisizione molto importante per questo sport perché, finalmente, sembra possa esserci un’apertura verso la digitalizzazione, cosa a cui Bernie Ecclestone non era molto propenso.

Sono in molti a pensare, però, che con l’arrivo di Liberty Media, la Formula 1 possa pian piano essere americanizzata, seguendo le linee guida degli sport d’oltre oceano. Chase Carey, però, ha tenuto a precisare che gli USA sono solo un’opportunità per la Formula 1, ma che rimane uno sport globale: “Voglio essere chiaro, non abbiamo acquistato la Formula 1 a causa dell’America. L’America è un’opportunità, penso che possiamo fare molto lì, sarà qualcosa più a lungo termine che qualcosa a breve termine e richiederà tempo per avere audience” – ha commentato il presidente della Formula 1 -. “C’è tanta passione in America, più di quanto si pensi, e credo che noi possiamo fare molto per svilupparla. Ma realisticamente la Formula 1 è uno sport globale. Non cerchiamo di ‘americanizzare’ questo sport“.

Il lavoro di Liberty Media si baserà sul proseguire e costruire su ciò fatto da Bernie Ecclestone, il quale ha fatto il bene e il male di questo sport ma che, indubbiamente, lo ha fatto crescere molto. Alla base rimarrà l’anima europea della Formula 1: “Abbiamo grande rispetto per la base europea della Formula 1. L’Europa è molto importante per noi e noi costruiremo su ciò. Questo è un grande sport e un grande franchise e noi continueremo a lavorare su ciò che Bernie Ecclestone ha costruito durante le sue decadi al comando. È un’evoluzione. Questo è un grande sport, con grandi brands, grandi stars e tanta tecnologia. Vogliamo continuare a migliorarla lavorando con Ecclestone per renderla più grande e migliore” ha poi concluso Carey.

Gianluca D’Alessandro

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati