La Pirelli vuole una sessione di test sul bagnato

E propone il Paul Ricard o Fiorano come circuiti di prova

La Pirelli vuole una sessione di test sul bagnato

All’indomani dell’incidente di Jules Bianchi a Suzuka il Grande Circo si era risvegliato con il dubbio di non aver fatto abbastanza per preparare i ragazzi ad affrontare la pioggia con le monoposto 2.0, in particolare le scuderie avevano puntato il ditto contro la Pirelli incapace di fornire gomme adatte alla situazione.

Ora però alla vigilia del pre-stagione è il produttore milanese a prendersela con i costruttori rei di non aver convinto la FIA a fissare un vero e proprio test sul bagnato.

“Il regolamento prevede almeno una sessione ma una spruzzata con l’idrante in una pista come Jerez non è ciò che avevamo in mente. Avremmo preferito il Paul Ricard o Fiorano che permettono di fare un lavoro migliore – ha affermato il responsabile Paul Hembery ad Autosport – Penso che una giornata di prove sull’acqua all’inizio di ogni campionato sarebbe di grande beneficio per tutti perché consentirebbe alle squadre di comprendere meglio il comportamento della vettura, l’influenza sulla performance e in caso di modifiche da noi apportate di verificarne gli effetti. Per ora comunque la Federazione non ha dato alcuna indicazione. Se dovesse decidere per il sì l’augurio è che venga scelga la strada più corretta”.

Chiara Rainis

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

4 commenti
  1. S.Vettel

    12 Gennaio 2015 at 18:32

    Giusto

  2. S.Vettel

    12 Gennaio 2015 at 18:33

    ho scritto giusto e mi dice che il mio commento è in attesa di moderazione????

  3. Federico Barone

    12 Gennaio 2015 at 19:41

    Ma a Fiorano esiste solo un box… non credo che sarebbe possibile, a meno che non facciano fare il test alla Ferrari, che poi condivide i dati con gli altri. 😉

  4. Dede

    12 Gennaio 2015 at 21:01

    Ma quanto è brava Miss Rainis a scrivere? Di gran lunga la migliore

    Complimenti a parte, hanno ragione: un test sul bagnato (pista seria mica quella che fa di comodo) all’inizio di ogni stagione è piu che utile. Il fornitore di pneumatici (Pirelli in questo caso) dovrebbe avere la libertà di organizzarli come meglio crede.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati