Grosjean dopo la squalifica: “Riconosco il mio errore”

"Sono contento che nessuno si sia fatto male"

Grosjean dopo la squalifica: “Riconosco il mio errore”

Romain Grosjean ha riconosciuto il suo errore che alla partenza del GP Belgio di F1 ha causato un brutto incidente alla prima curva, fortunatamente senza conseguenze fisiche per i piloti coinvolti, ovvero Fernando Alonso, Lewis Hamilton, Sergio Perez e Kamui Kobayashi.

I commissari della FIA hanno poi deciso di squalificare per una gara il francese e comminargli 50.000 Euro di multa.

“Quando ami le corse la squalifica è molto dura. Ma accetto il mio errore. Sappiamo che La Source è una curva molto stretta. E’ stata una partenza un po’ pazza con Maldonado che è partito prima e il tanto fumo uscito dalla Sauber di Kobayashi” ha commentato Grosjean. “Ho fatto un errore e ho giudicato male la distanza da Lewis. Ero sicuro di essere davanti a lui. Quindi un piccolo errore ha causato un grande incidente. Non ho cambiato la mia traiettoria, sono andato da sinistra a destra. Non volevo davvero stringere nessuno contro il muro, non sono qui per fermare la gara al primo giro. Sono molto, molto dispiaciuto e sono contento che nessuno si sia fatto male. Ma devo dire che è una decisione molto difficile da accettare”.

Grosjean era stato in precedenza coinvolto in altri cinque incidenti in questa stagione: “Ne ho fatti troppi. Se ne capita più di uno sono già troppi, sono d’accordo. Ma la dinamica non è stata sempre la stessa. Non sono sempre stato aggressivo frenando 200 metri troppo tardi, più che altro si è trattato di un errato giudizio sullo spazio davanti a me e sul lato. E’ vero che non vediamo molto negli specchietti e alla partenza le cose succedono molto in fretta. Ero al 100% sicuro di essere davanti a Lewis ma non lo ero quindi devo ripensare alla mia visione della vettura. Sono il primo ad essere arrabbiato con me stesso per non aver giudicato correttamente la distanza dalla vettura di Lewis. Di sicuro non voglio più avere incidenti da qui alla fine della stagione. Quindi dovrò lavorare, analizzerò il più possibile per provare ad evitare contatti del genere. Alcuni incidenti sono stati frutto della sfortuna, altri di miei errori ma ora è il momento di mettervi fine”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

41 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati