Formula 1 | GP Messico, Binotto deluso: “Ci aspettavamo di più in gara” [VIDEO]

"Il consumo meno accentuato sulle mescole ha aiutato la strategia della Mercedes", ha aggiunto il Team Principal

Mattia Binotto ha commentato i piazzamenti ottenuti da Sebastian Vettel e Charles Leclerc in Messico, sottolineando come la Ferrari si aspettasse di piazza da questo fine settimana a Città del Messico
Formula 1 | GP Messico, Binotto deluso: “Ci aspettavamo di più in gara” [VIDEO]

Intervistato da Federica Masolin al termine dell’ultimo Gran Premio del Messico, diciottesimo appuntamento di questo mondiale 2019 di Formula 1, Mattia Binotto ha commentato le prestazioni in gara di Sebastian Vettel e Charles Leclerc, sottolineando come la strategia e il poco consumo delle mescole hard abbia influito e non poco sulla vittoria finale della Mercedes.

Al contrario delle previsioni iniziali, infatti, il consumo sulle gomme è stato abbastanza lieve, aspetto che ha favorito la strategia della Mercedes, ovvero quella di concludere la gara con un solo stop anticipato. Una scelta che sulla carta doveva penalizzare le W10 sul finale, ma che nei fatti ha permesso a Lewis Hamilton di conquistare l’ennesimo successo di questa sua maestosa stagione (si tratta della 100esima vittoria Mercedes in F1.ndr).

L’obiettivo, adesso, sarà quello di dimenticare rapidamente questa delusione, così da focalizzarsi subito sul prossimo Gran Premio degli Stati Uniti, terzultimo appuntamento di questa lunga e ricca di sorprese stagione 2019.


Formula 1 | GP Messico, Binotto deluso: “Ci aspettavamo di più in gara” [VIDEO]
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti
  1. Bubu

    29 ottobre 2019 at 12:43

    Tutte le domeniche, o quasi, una delusione……D’inverno sembra che abbiano un missile, poi la Mercedes bastona le Ferrari sonoramente in gara ……mai una soddisfazione, o quasi …..

    • Zac

      29 ottobre 2019 at 18:47

      Tutte queste pole non sono acqua fresca.
      Un mezzo miracolo la Ferrari l’ha fatto. Ora resta l’altra metà.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati