FIA e team discuteranno sull’assegnazione dei numeri

Proposto anche un premio per chi segna la pole

FIA e team discuteranno sull’assegnazione dei numeri

A poco più di una settimana dall’incontro tra Strategy Group e FIA all’interno del Consiglio Mondiale del Motorsport emergono alcuni dei suggerimenti che verranno discussi riguardo il futuro della F1. Su tutte la politica del numero da assegnare.

Se finora ci si è basati sulla classifica, secondo le squadre si dovrebbe invece passare ad una scelta di preferenza e definitiva, per cui ogni pilota avrebbe una sua cifra identificativa per tutta la carriera in stile Rossi con il 46. Da quanto si apprende da Autosport Bernie Ecclestone e Jean Todt avrebbero richiesto di abbandonare i numeri bassi e di aggiungere il nome del driver sulla vettura, proposte non particolarmente apprezzate dai team motivo il timore di dover sacrificare lo spazio per gli sponsor.

Altra idea quella di creare il Trofeo Poleman dell’anno per premiare a fine stagione colui che più volte è partito dalla prima posizione. Diversamente dovrebbe già essere stata scartata quella di assegnare un punto in più in ciascun evento.

Chiara Rainis

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

22 commenti
    • mingo57

      29 Novembre 2013 at 09:18

      Legale ma ANTISPORTIVO. La differenza è netta.

      • ILLINOISF1

        29 Novembre 2013 at 10:00

        legale e sopratutto VINCENTE! questa e vera differenza!

      • Max Bassanet

        29 Novembre 2013 at 18:03

        si la differenza tra chi ruba (cacca-bull) e chi è onesto (tutti gli altri )hahhahahahhahahahaha

  1. Papayaman

    28 Novembre 2013 at 21:42

    Quindi ad allonzo assegnare numero 0, come piloto pippa Demone Collina???

    Ma ROBA DA MATTI.

    Numero su macchina essere distintivo di quanto piloto distinto in stagione precedente.
    Senza poi contare problemi che causare eventuali scelte eronnee. Beispielweise, voi immaginare Mazzonen che già non riconosceri piloto, dovere imparare anche che Allonzo essere numero 33, Vetell numero 79, o Magnussen Jr. numero 90?

  2. Iceman Red Bull

    29 Novembre 2013 at 00:18

    nonono per favore… la tradizione è tradizione, è sempre stato così… e così deve rimanere

  3. mingo57

    29 Novembre 2013 at 09:26

    Invece di fare inutili riunioni sul numero da assegnare alle scuderie. Discutessero sul come deve essere applicato alle vetture il regolamento tecnico, senza furberie o interpretazioni. Non vogliamo più domini come è stato per Ferrari (Schumacher) e Red Bull (Vettel) solo perchè gli ingegneri sono riusciti ad aggirare questo o quel divieto con un trucchetto.
    LEGALITA’

  4. ILLINOISF1

    29 Novembre 2013 at 09:52

    sono d’accordo.. e propongo che, a Vettel li assegniamo il NUMERO 1 a vita, visto che ce la dall’inizio.

    • Max Bassanet

      29 Novembre 2013 at 18:06

      ma dai dal primo anno di vettel in f1 aveva già il numero 1 ? hahahahhaahhaahhahah ne dici di cagate ahjhhah

      • ILLINOISF1

        30 Novembre 2013 at 15:41

        Max il mio commento era piu nel senso ironico.. nessuno pilota parte con il numero 1.. pero se non ti piace lo tolgo e metto questo … da quando Vettel si e “cucito addosso” il NUMERO 1, NESSUNO.. E RIBADISCO NESSUNO E RIUSCITO A TOGLIERLO.

  5. amico di frederick

    29 Novembre 2013 at 10:20

    no a vettel devono dare il numero 1! cioe’ l’eta’ bilogica del suo cervello, quella di un bimbo di un anno di eta’! e di fianco al numero uno la sua faccia con in bocca un biberon di latte!Ad Alonso gli devono fare una caricatura sul cupolone della ferrari col suo muso lungo un metro! e a Lewis gli devono fare una caricatura del suo….grande ….. nero!

  6. Ele (mclaren)

    29 Novembre 2013 at 10:55

    ..le moto sono una cosa diversa dalle auto..anche se anche le moto hanno introdotto le qualifiche simili a quelle utilizzate in f1 non è detto che dobbiamo adeguare la f1 alle moto..
    nelle moto il pilota corre fin da piccolo con un numero e se lo porta finchè non arriva nelle serie più importanti..

    In f1 la numerazione è sempre stata data secondo l’ordine di arrivo saltando il famoso “13” porta iella.. 😉
    Io preferisco che rimanga così la numerazione…

    Sono a favore di dare un 1 punto a chi fa la pole e a chi fa segnare il giro veloce in gara come succede/succedeva in Gp2 (non so se tuttora vale ancora questa regola)..in questo modo i piloti sono spronati a dare sempre di più perkè un punto può fare la differenza alla fine di un campionato 😉

    • panis96

      29 Novembre 2013 at 12:01

      Sono d’accordo, dare un simbolico trofeo a fine stagione mi sembra la solita trovata inutile in pieno stile FIA. Ma Jean Todt, così efficiente in Peugeot e Ferrari,costa sta facendo come presidente FIA?Usa gli stessi metodi del sado-masochista Mosley.Si compra i voti di tutte le federazioni nazionali per essere rieletto.Non propone uno straccio di riforma della federazione (che è gestita in modo autocratico).Entra nel business f1?!?!?!Una federazione sportiva che diventa socia di quelli che dovrebbe controllare! Non è che i successi Ferrari erano solo opera di Brawn-Byrne-Schumacher e questo francese, con il cronometro sempre in mano, faceva solo scena ? Che ne dite?

  7. Dany_M

    29 Novembre 2013 at 12:37

    Io vorrei che chi facesse la Pole prendesse punti in campionato. Che ne so 3 punti a chi conquista la pole per rendere le qualifiche più combattute, togliendo allo stesso tempo il parco chiuso e la regola idiota che parti con le gomme con cui ti sei qualificato!

  8. GOGOOO

    29 Novembre 2013 at 13:31

    Daccordo con Ele (mclaren)sulla questione dei punti per la Pole e per il giro veloce! Invece per me, sarei favorevole se i piloti potessero usare un numero preferito/personale.

  9. panis96

    29 Novembre 2013 at 15:19

    Però lascerei il numero 1 al campione del mondo in carica.

  10. Jess

    29 Novembre 2013 at 16:50

    Beh, in formula 1 l’attuale numerazione esiste dalla seconda metà degli anni ’90, prima i team avevano una coppia di numeri fissi (ricordate le Ferrari 27 e 28 di alesi e Berger?), l’unico modo di cambiare i numeri era vincere il campionato piloti, dato che il campione in carica avrebbe corso la stagione successiva con il numero 1. Il team che cedeva il numero 1 prendeva i numeri del team con il campione del mondo. Il resto rimaneva immutato. Verso la fine degli anni 90 si è passati all’attuale numerazione per dare una sorta di valore alla classifica costruttori,tutto qui.
    Francamente mi spiacerebbe vedere vetture con un numero “personale” del pilota, come nella motogp, ci sarebbero numeri a caso e addirittura si rischierebbe di arrivare alla cosa che ho sempre odiato in Valentino rossi,
    di non correre col numero 1 quando vinceva i campionati (per me ha un valore enorme vedere la vettura numero 1 in corsa, è un premio avere quel numero sulla scocca). In ogni casop sono baggianate senza molto senso, che si riunissero per discutere di regolamenti CHE NON CAMBINO DURANTE LA STAGIONE, DI GOMME CHE NON CAMBINO A META’ STAGIONE, DI ABOLIZIONE DI REGOLE RIDICOLE COME LE PENALITA’ aWEBBER A SINGAPORE O A MASSA IN BRASILE. CHe DISCUTESSERO DI REALI TAGLI AI COSTI E DI LIBERALIZZARE I TEST. non ste fesserie…. AMEN

    Per il resto, sarebbe bello assegnare punti alla pole e al giro veloce…solo che si rischia di vedere Vettel Campione del Mondo dopo 8 gare!!! 😉

    • mingo57

      29 Novembre 2013 at 17:03

      Anche se guida una Marussia?

    • ILLINOISF1

      29 Novembre 2013 at 17:21

      giusto osservazione da parte tua, sono d’accorto con te cioe assegnare punti alla pole darebbe troppo vantaggio al piu forte e ammazzerebbe campionato, invece per il discorso dei numeri, assegnerei il numero 1 solo per chi vince (cosi daremmo un senso anche ai numeri) e poi dal 2 e poi ognuno scegliere il proprio numero

      • Ele (mclaren)

        29 Novembre 2013 at 17:25

        bè però per esempio quest’anno la Mercedes non ha fatto poche pole..poi in gara ha fatto pena spesso e volentieri..però le pole le ha fatte..quindi di punti ne avrebbe raccolto..

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati