F1 | Tronchetti Provera: “La morte di Marchionne ha rappresentato un duro colpo per la Ferrari”

"E' venuta meno la sua leaderhsip, Maurizio Arrivabene ha fatto un ottimo lavoro per tenere unita la squadra", ha dichiarato il CEO di Pirelli

F1 | Tronchetti Provera: “La morte di Marchionne ha rappresentato un duro colpo per la Ferrari”

Marco Tronchetti Provera, intervistato da Radio Rai, ha analizzato la stagione della Ferrari.

Per il CEO di Pirelli la morte di Sergio Marchionne ha inciso molto sull’andamento della Rossa nel Mondiale 2018 di Formula Uno, che ha visto prevalere nuovamente Mercedes nei costruttori e Lewis Hamilton in quello piloti.

Con la dipartita di Marchionne è venuta meno la sua leadership, ed è stato un colpo non indifferente sul morale della squadra – ha sottolineato Tonchetti Provera -. Maurizio Arrivabene ha fatto un ottimo lavoro per tenere unita la squadra e renderla competitiva. Sono molto vicini all’obiettivo che tutta l’Italia vuol vedere realizzato”.

Su Vettel e sul prossimo approdo di Leclerc a Maranello, Tronchetti Provera ha detto: “Vettel è un grande campione che in alcuni momenti ha perso un po’ di confidenza, ma la continuità di Hamilton è stata determinante per il risultato finale. L’arrivo di Leclerc può essere un’iniezione positiva di energia e speriamo che possa rappresentare una spinta di gioventù e di carattere”.

Sull’impegno di Pirelli in Formula Uno ha aggiunto: “Quest’anno abbiamo fatto un lavoro straordinario, do un voto superiore all’otto. Vogliamo rimanere perché ci attendono grandi sfide, come le gomme da 18 pollici che richiedono un lavoro molto complesso”.

F1 | Tronchetti Provera: “La morte di Marchionne ha rappresentato un duro colpo per la Ferrari”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti
  1. Zac

    13 novembre 2018 at 17:18

    La morte di Marchionne è l’alibi perfetto. Se la squadra vince è sempre merito della guida spirituale, se la squadra perde la colpa è dei tecnici, o della guida spirituale che non c’è più. Il culto della personalità non è una prerogativa esclusiva di alcune forme di governo.

  2. .. non è normale

    13 novembre 2018 at 19:32

    ma prorio provera deve parlare che per 5 anni fa gli intrallazzi con la mercedes e protetti dalla fia. dopo 41 anni è arrivato il momento di abbandonare questa formula pagliacciata.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati