F1 | Pagelle GP Monaco – Verstappen e Sainz sugli scudi, Hamilton non pervenuto

Vettel gigantesco, Leclerc errore esiziale

F1 | Pagelle GP Monaco – Verstappen e Sainz sugli scudi, Hamilton non pervenuto

Max Verstappen 9 A uno come lui non poteva mancare Montecarlo nel palmarès, e l’olandese volante il Principato se lo prende di autorità e con la solita classe, rilanciandosi prepotentemente in ottica mondiale.

Carlos Sainz 9 Particolarmente a proprio agio tra le “stradine” sin dalle prove libere. Aveva la velocità per vincere, ma il primo podio con la Ferrari e la piazza d’onore nel GP più iconico restano un grande risultato. Veloce e consistente, non sbaglia, gran pilota.

Lando Norris 9 Quest’anno è un martello, sempre lì, una spina nel fianco per tutti. Su un circuito non del tutto congeniale alla sua monoposto Lando incanta con la sua guida e porta a casa un podio alquanto significativo.

Sergio Perez 7,5 Male male in qualifica, dove rispetto a Verstappen fa un altro sport, ma quando si entra nel capitolo “gestione delle gomme” si erge a professore, e la rimonta è servita.

Sebastian Vettel 8,5 Pimpante, brillante, ispirato. Il testa a testa con Hamilton a Massenet è poesia, Seb ha tenuto giù il piede all’esterno e l’ha spuntata, esaltando una Aston Martin finalmente all’altezza. Una corsa da campione qual è.

Pierre Gasly 8 Poco appariscente, ma molto concreto. Non commette la minima sbavatura, gran qualifica e ottimo sesto sotto la bandiera a scacchi.

Lewis Hamilton 5 Assente ingiustificato. E più che la prestazione mesta stonano le dichiarazioni del post gara, con cui rimprovera la squadra per non avergli dato ascolto. Alla prima gara storta mugugna e si lamenta, non gli fa onore.

Lance Stroll 6,5 Gomme dure e pedalare, non è veloce come Vettel ma riesce a rimontare (mai facile a Monaco!) e chiudere ottavo. In forma.

Esteban Ocon 6,5 Altra gara chiusa a punti, la Alpine attualmente è sulle sue spalle.

Antonio Giovinazzi 7 Il Q3 con l’Alfa a Montecarlo è un piccolo capolavoro, il punto dopo troppe delusioni è stra meritato. Bravo.

Charles Leclerc 5  Certi errori in F1 costano caro, possono cambiare una stagione. La stampa a muro nonostante la pole provvisoria e la prima fila comunque in tasca, e un predestinato questo non può permetterselo.

Valtteri Bottas 8 Una volta tanto che brilla e fa la voce grossa rispetto a Hamilton incorre in un ritiro quasi comico, con il dado della ruota che si rompe e lo pneumatico bloccato al mozzo durante il pit stop.

Kimi Raikkonen 6 La gara è buona, come al suo solito, ma il parziale di 1-4 in qualifica rispetto a Giovinazzi fa riflettere.

Daniel Ricciardo 4 La foto emblematica del suo GP è il doppiaggio umiliante subito dal team mate Norris. Mai a suo agio con la MCL35M, per ora è la controfigura del pilota garibaldino che conosciamo.

Fernando Alonso 4 Si trascina per le curve lente di Monaco lamentando problemi di feeling con la sua Alpine. Per ora un ritorno traumatico. Va piano.

Yuki Tsunoda 4,5 Si è dato talmente tanto una calmata da essere sparito dagli schermi. Surclassato da Gasly.

Nikita Mazepin 6,5 Sotto la lente di ingrandimento di tutto l’ambiente il russo non va mai a muro e chiude il GP davanti al più quotato Mick. Sorprende, in bene stavolta.

Mick Schumacher 3 Sbatte di giovedì a Massenet e sabato mattina al Casino. Salta le qualifiche e in gara arriva dietro a Mazepin. Un fine settimana orripilante.

George Russell (6,5), Nicholas Latifi (5,5).

 

 

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati