F1 | Mazepin in Haas, Steiner fa chiarezza sui piloti paganti ricordando Lauda

"Ci sono molti piloti che entrano in F1 grazie al sostegno finanziario", ha sottolineato il TP della scuderia americana

F1 | Mazepin in Haas, Steiner fa chiarezza sui piloti paganti ricordando Lauda

Il prossimo anno la Haas si ritroverà con la più giovane line-up in griglia, composta da due classe 1999: Niki Mazepin e Mick Schumacher. Se per il pilota russo l’ufficialità è arrivata quest’oggi, per il tedeschino la fumata bianca dovrebbe arrivare nel corso di questo weekend in concomitanza con il secondo appuntamento di Sakhir. Con l’ingaggio di Mazepin è tornata alla ribalta la questione dei piloti paganti, sul quale il team principal della scuderia americana Gunther Steiner ha voluto fare chiarezza.

Il manager altoaltesino ritiene che per un pilota non è una novità beneficiare di sponsor che ne accompagnano la carriera favorendone lo sbarco in Formula Uno.

Ci sono molti piloti che entrano in F1 grazie al sostegno finanziario – ha dichiarato Steiner, citato da Autosport – Ci sono ottimi piloti in F1 che all’inizio hanno portato uno sponsor. Perez è arrivato in F1 come pilota pagante. Checo ora va a podio e sta facendo un buon lavoro. Per me George Russell è uno dei migliori piloti, ma senza l’aiuto della Mercedes non sarebbe da nessuna parte. Ce ne sono tanti. Anche Lance Stroll è andato a podio. Se sono bravi in ​​F2 e hanno uno sponsor è una soluzione perfetta”.

Steiner ha poi ricordato la storia di Lauda: “Quando molto tempo fa ho parlato con Niki mi disse: ‘Sono arrivato in F1 grazie a una banca che mi ha sponsorizzato, così ho potuto comprare il mio sedile‘. Penso che all’epoca fosse in BRM. Ed è un tre volte campione del mondo”.

Il team principal della Haas, analizzando l’attuale campionato in Formula 2 di Mazepin, ha aggiunto: “L’ho seguito per tutta la stagione. Non ha avuto un inizio difficile e senza quell’inizio avrebbe lottato per il campionato. I risultati parlano sempre”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati