F1 | Horner pensa al 2021: “Il futuro della Formula 1 sarà il motore di fornitori indipendenti”

"Non è per nulla bello vedere Fernando Alonso e la McLaren nella situazione in cui si trovano"

F1 | Horner pensa al 2021: “Il futuro della Formula 1 sarà il motore di fornitori indipendenti”

“Quanta fretta ma dove corri…” cantava Edoardo Bennato. E sembra essere il motto di Chris Horner che, impaziente di metter mano ai regolamenti per il 2021, chiede più libertà e concorrenza nel mondiale per portare i fornitori indipendenti di motori a competere insieme ai costruttori. In un recente incontro, infatti, era stato già stabilito che le nuove PU dovessero essere più rumorose, più economiche, più semplici, pur conservando il recupero di energia.

Ma Chris Horner vuole subito di più: permettere alle aziende indipendenti rispetto ai costruttori di poter portare i propri motori. “Penso che la cosa più importante per la Formula 1 dopo il 2020 sia avere un motore indipendente e competitivo” ha detto a Motorsport.com. “Penso che le regole debbano essere discusse e fissate molto presto perché alla fine il motore è l’elemento più importante su cui sono concentrati i proprietari dei diritti commerciali, poiché ha aspetti importanti legati ai costi, alle prestazioni ed alle differenze tra i produttori. Non è bello, ad esempio, vedere Fernando Alonso e la McLaren nella situazione in cui si trovano“, ha commentato spiegando il suo punto di vista rispetto alla situazione attuale.

“Inoltre, per quanto riguarda lo spettacolo e i tifosi, i motori devono fare più rumore e avvicinarsi ai motori di F1 del passato”, ha ricordato nostalgico. Infatti il tema del “sound” dei motori era stato più volte discusso soprattutto qualche anno fa e ora sembra essere tornato alla ribalta. Ovviamente tutto questo discorso lega con il tema dei costi e dei fondi di finanziamento: “I costi devono essere controllati grazie proprio al regolamento. Spero che la FIA e la Liberty pensino al regolamento 2021 chiedendosi: come deve essere la Formula 1?”, ha continuato il team principal della Red Bull.

“Aspettiamo con interesse per scoprire quali saranno i piani di Liberty Media per il futuro. Chase Carey ha un consulente molto esperto come Ross Brawn che conosce molto bene l’ambiente da dentro”, ha concluso.

Fabiola Granier

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati