F1 | Horner: “Le misure restrittive non sono un problema per la Formula 1”

"Non abbiamo comunque tempo per uscire a visitare la città"

Il team principal ha ammesso che non è un problema restare chiusi in hotel o nel circuito
F1 | Horner: “Le misure restrittive non sono un problema per la Formula 1”

A causa delle restrizioni imposte dai governi, il personale della Formula 1 non potrà allontanarsi dal circuito e dall’hotel durante il weekend. Secondo Chris Horner, non sarà un problema in quanto le priorità dei team sono altre al momento.

Devo ammettere che non è qualcosa di totalmente inaspettato, date le circostanze attuali. Prima di tutto, noi andiamo a Budapest per correre, normalmente passiamo così tanto tempo in pista che quando torniamo in hotel, non c’è tempo per uscire e visitare comunque la città. Il nostro obiettivo riguarda quello che succede in pista e non l’inconveniente di essere confinati in una camera d’albergo. Sappiamo di avere un gap da colmare per lottare in questo campionato ed è quello che faremo”.

Horner ha anche colto l’occasione per difendere ancora una volta Alex Albon dalle accuse di non essere abbastanza veloce per essere il compagno di squadra di Max Verstappen, in particolare dopo la seconda gara in Austria:

“Ricordiamo che è uscito da un fine settimana forte la settimana precedente nel quale stava sfidando Lewis per la vittoria. E’ la dimostrazione di come le persone abbiano poca memoria in Formula 1 e si dimenticano le cose rapidamente. Alex sta migliorando con l’esperienza, ha una buona idea di ciò che la macchina sta facendo ed è molto incoraggiante. Vogliamo tutti che abbia successo e non dimentichiamo che ha fatto solo undici gare con la squadra mentre Max è alla sua sesta stagione“.

 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati