F1 | Honda, Red Bull e Toro Rosso confermano a Silverstone i progressi delle ultime settimane

“Grazie a un gran ritmo e una buona strategia, Daniil è riuscito ad andare a punti partendo dalla P17", ha affermato Toyoharu Tanabe

Kvyat ha concluso la gara in nona posizione, mentre non è riuscito a piazzarsi in top ten Albon
F1 | Honda, Red Bull e Toro Rosso confermano a Silverstone i progressi delle ultime settimane

Soddisfazione in casa Honda per le prestazioni mostrate dai piloti Red Bull e Toro Rosso nell’ultimo Gran Premio di Gran Bretagna, decimo appuntamento di questo mondiale 2019 di Formula 1. Dopo la splendida vittoria conquistata da Max Verstappen in Austria, infatti, la scuderia austriaca si è confermata a Silverstone, piazzando i piloti all’interno della top five.

Un risultato importante che ha rinnovato i netti progressi mostrati nelle ultime settimane. Per quanto riguarda la Scuderia di Faenza, invece, Daniil Kvyat ha piazzato la sua vettura in nona posizione, regalando punti importanti alla squadra per la classifica costruttori.

“Grazie a un gran ritmo e una buona strategia, Daniil è riuscito ad andare a punti partendo dalla P17. Sfortunatamente, Alex è scivolato fuori dalla zona punti nelle fasi finali, non avendo potuto fare la seconda sosta di cui aveva bisogno”, ha affermato Toyoharu Tanabe, direttore tecnico di Honda. “È stata un’anomalia legata alla PU, perché i dati mostravano un problema di alta tensione e, quindi, abbiamo sconsigliato al team di fare una seconda sosta per motivi di sicurezza. Ovviamente, analizzeremo questo inconveniente con molta attenzione”.

“Non è stata una delle gare migliori per noi, ma per i tifosi è stato un altro Gran Premio davvero emozionante. Adesso ci concentreremo, come di consueto, sul nostro programma di sviluppo mentre ci prepariamo a un’altra coppia di gare in successione”, ha aggiunto.

F1 | Honda, Red Bull e Toro Rosso confermano a Silverstone i progressi delle ultime settimane
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati