F1 | Ferrari, Binotto: “Siamo disponibili a weekend corti e a gare doppie”

La scuderia del Cavallino sarà flessibile sulle decisioni che verranno prese sul nuovo calendario

Tema budget cap: per Binotto bisognerebbe distinguere team produttori e clienti
F1 | Ferrari, Binotto: “Siamo disponibili a weekend corti e a gare doppie”

Il mondo della Formula Uno sta cercando di praticare ogni strada possibile per dare inizio al Mondiale 2020 di Formula Uno una volta terminata l’emergenza coronavirus. A tal proposito il team principal della Ferrari Mattia Binotto, intervistato da Sky Sports UK, ha sottolineato come la scuderia del Cavallino sia favorevole anche a weekend compatti e a doppie gare per favorire il ritorno delle attività in pista.

Sappiamo dalle regole sportive che per avere un campionato mondiale sono necessarie almeno otto gare, ma tutti stanno cercando averne di più – ha detto Binotto -. Sono abbastanza sicuro che Chase (Carey, CEO Formula 1. ndr) e i team saranno in grado di mettere insieme il miglior campionato che possiamo avere. Da parte nostra siamo pronti a tutto ciò che è necessario sia per i weekend di gare corti che per le doppie gare. È importante essere flessibili e assicurarci che possiamo disputare buone gare anche per i fan”.

Al momento però l’ingegnere italo-svizzero non si è sbilanciato su un’eventuale data per iniziare la stagione: “Penso che sia molto difficile rispondere. Nessuno può davvero saperlo. La F1 sta sicuramente cercando di organizzare la stagione migliore, magari iniziando all’inizio di luglio se ciò fosse possibile, ma al momento non possiamo avere alcuna conferma. Ma penso che entro la fine di maggio avremo un quadro più chiaro. Penso che sia nell’interesse di tutti iniziare a correre sarà possibile e fare quante più gare possibili, ma penso che ora sia troppo presto per avere un quadro chiaro di quello che sarà il futuro”.

Binotto ha poi affrontato la questione relativa alla riduzione del budget cap (dal 2021 il limite è fissato a quota 175 milioni di dollari, ma le scuderie stanno discutendo per abbassarlo. ndr), facendo però alcuni distingui tra team produttori e team clienti: “Ne stiamo discutendo, ma non dovremmo dimenticare che ci sono team che sono costruttori come la Ferrari e altri top team che progettano, sviluppano, omologano e producono ogni singolo componente delle nostre auto. Altri team sono clienti, acquistano alcune parti e non hanno le stesse strutture. Pertanto, quando si discute di un limite di budget, non dobbiamo dimenticare che ci sono situazioni diverse ed è importante trovare un terreno comune adatto alle diverse situazioni e forse la risposta non è un unico limite di budget uguale per tutte le squadre”.

Completando la propria disamina ha poi aggiunto: “Sappiamo che affronteremo situazioni difficili, ma dobbiamo anche in qualche modo mantenere il DNA e l’essenza della F1 che è la competizione – ha sottolineato il team principal della Ferrari -. Quindi penso che sia importante guardare ai dettagli, ma prendendo una decisione razionale basata su considerazioni e non su emozioni”.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

1 commento

Articoli correlati

News F1

F1 | Il GP d’Italia 2020 sarà a porte chiuse

Il sindaco di Monza ha inoltre annunciato la permanenza dell'Autodromo brianzolo nel Circus fino al 2025
Il Gran Premio d’Italia 2020 si svolgerà ma senza quella cornice di pubblico che lo rende un appuntamento magico. Il