F1 | Ferrari, Binotto dopo le Libere 1 a Monza: “Sarà un weekend difficile da affrontare”

"Curioso di vedere i distacchi dopo la direttiva tecnica", ha detto il team principal della Ferrari

F1 | Ferrari, Binotto dopo le Libere 1 a Monza: “Sarà un weekend difficile da affrontare”

Il momento della Ferrari continua ad essere particolarmente complicato. La Scuderia di Maranello, dopo il disastro di Spa, non avrà certamente vita facile nemmeno sui lunghi rettilinei di Monza. Dopo le Prove Libere 1, che hanno visto Leclerc undicesimo e Vettel diciannovesimo, tra le due Williams, si preannuncia un altro fine settimana difficile per la squadra del Cavallino. Mattia Binotto, team principal della Rossa è stato raggiunto da Mara Sangiorgio di Sky Sport al termine della prima sessione di questa mattina.

“Il weekend del Belgio è stato difficile, il peggiore della stagione – ha detto Binotto. E’ una pista molto severa sia dal punto di vista motoristico che aerodinamico. Cosa è successo? Senza nascondersi dietro a un dito, Spa ha dimostrato quelli che sono i punti deboli di questa macchina, un po’ li sapevamo, ma sono stati evidenziati in modo evidente. Non abbiamo ottimizzato il nostro pacchetto: siamo partiti male venerdì e abbiamo cercato successivamente di dare confidenza ai piloti nella guida perdendo tempo nell’ottimizzare il set-up per qualifica e gara. Potevamo fare meglio, ma non avremmo ottenuto la posizione desiderata”.

“Monza è una pista diversa: la potenza del motore influirà molto sui lunghi rettilinei e le curve sono meno difficili rispetto a Spa. Sarà importante avere stabilità in frenata, le condizioni meteo sono diverse e questo potrebbe aiutarci in qualche modo, ma soprattutto è in vigore la nuova direttiva tecnica che influirà sulle prestazioni dei motori in qualifica. Sono curioso di vedere come si ribilanceranno le prestazioni al sabato, possono anche variare i tempi di due o tre decimi quindi non è trascurabile, e queste sono tutte condizioni che fanno sì che Monza possa essere diversa dal Belgio. Detto questo, siamo consapevoli che avremo un altro weekend difficile da affrontare per noi. Stamattina il programma è stato regolare e abbiamo i dati che ci servono per le FP2, cercheremo di fare del nostro meglio. Il confronto con la dirigenza c’è sempre, indipendentemente da Spa, su ogni tema. Il supporto è totale, con Camilleri mi sento tutti i giorni e so di poterli chiamare quando necessario, sia per quanto riguarda l’ad che il presidente Elkann. Condividiamo tutto: progetto, difficoltà e soluzioni, questa è la cosa che mi rassicura. Dispiace l’assenza della Marea Rossa, averli qui presenti sarebbe stato di grande aiuto in questo momento: sentiamo i tifosi vicini, sappiamo che stanno soffrendo, noi soffriamo quanto e insieme a loro. Ma il tifoso Ferrari è speciale, sappiamo che sta vicino anche nei momenti di difficoltà, quindi sarebbe stato bello anche quest’anno avere le tribune piene. Da parte nostra lavoro, impegno e voglia di migliorare. Siamo desiderosi di tornare al vertice il prima possibile”.

Sul caso Racing Point: “Confermiamo il nostro appello, nel frattempo stiamo continuando a chiedere ulteriori chiarimenti alla FIA, specialmente per il futuro, pensiamo che copiare un’intera vettura non sia una cosa corretta né dal nostro punto di vista che da quello regolamentare. Nemmeno nel mondo dell’industria si copia da un prodotto all’altro, pensiamo che proteggere la proprietà intellettuale sia importante. Cerchiamo questi chiarimenti, se ci saranno allora saremo pronti anche a togliere l’appello”.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | Perez, Red Bull o anno sabbatico nel 2021

"Se non c'è un buon progetto che mantiene la mia motivazione a dare il 100%, preferirei non accettarlo", ha ammesso Checo
Red Bull o anno sabbatico nel 2021. Non ci sono altre alternative per Sergio Perez che al momento, dopo l’annuncio
Ferrari

F1 | Tapiro d’oro per Charles Leclerc

Il monegasco l'ha ricevuto il noto premio di Striscia la notizia per l'errore commesso in Turchia alla penultima curva
Tapiro d’oro per Charles Leclerc. Anche il monegasco è rientrato così tra le vittime eccellenti della trasmissione satirica Striscia la