F1 | Brexit, tante preoccupazioni per il futuro della Formula 1

Se la Gran Bretagna dovesse lasciare l'UE il 29 marzo senza un'intesa, potrebbero non esserci accordi commerciali e libertà di movimento con gli stati membri

F1 | Brexit, tante preoccupazioni per il futuro della Formula 1

L’ente governativo del motorsport britannico e tre team di Formula 1 stanno valutando la possibilità di un contatto con il primo ministro Theresa May per le sempre più incessanti preoccupazioni legate alle conseguenze della Brexit sul mondo delle competizioni sportive automobilistiche. David Richards, a capo dell’autorità britannica Motorsport UK, ha fatto pressioni sul governo per l’imminente uscita del Regno Unito dall’Unione Europea. Se la Gran Bretagna dovesse lasciare l’UE il 29 marzo senza un accordo, una questione importante per affrontare la Formula 1 potrebbe essere l’assenza di accordi commerciali e libertà di movimento con gli stati membri. Ciò potrebbe rivelarsi disastroso per la parte europea del calendario di F1, che ospita nove delle 10 gare da metà maggio all’inizio di settembre. Ci sarebbe, inoltre, anche il problema di assunzione personale dai paesi dell’UE, in particolare a livello di produzione, nonché i costi di importazione ed esportazione di beni e materiali.

Richards ha parlato con tre squadre prima del voto dei sindacati la scorsa settimana, con tutte le parti in accordo sul fatto che, a prescindere dall’esito della Brexit, uno scenario senza accordi deve essere evitato a tutti i costi. Parlando al Salone Internazionale Autosport della scorsa settimana, Richards ha evidenziato come la Gran Bretagna abbia un ruolo fondamentale nel mondo della Formula 1, sia per la storia della competizione sia per l’appartenenza geografica delle scuderie: “Qualcosa di cui dovremmo essere così orgogliosi! I migliori team di F1 e campioni del mondo hanno la loro base qui”, ha spiegato. “E renderemo le loro vite difficili. Dobbiamo assicurarci che ciò non accada”, ha commentato.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati