F1 | Brawn sul confronto Schumacher-Hamilton: “Sfruttano dal nulla la monoposto e ti lasciano senza parole”

L'attuale dg del Circus ha elogiato entrambi i piloti, con i quali ha condiviso parte del proprio percorso professionale

F1 | Brawn sul confronto Schumacher-Hamilton: “Sfruttano dal nulla la monoposto e ti lasciano senza parole”

Chi meglio di Ross Brawn può parlare di due piloti del calibro di Michael Schumacher e di Lewis Hamilton, avendo avuto modo di sperimentare il talento di entrambi. Per l’ex dt Ferrari ed ex team principal Mercedes, attualmente direttore generale della Formula Uno targata Liberty Media, i due hanno qualità uniche nonostante abbiano costruito i rispettivi trionfi in epoche differenti.

Hanno molto talento e sono in grado di sfruttare dal nulla la monoposto – ha sottolineato Branw al Guardian -. Molti risultati di Lewis hanno lasciato la squadra senza parole, anche per Michael è stata la stessa cosa. Loro sono piloti che possono farlo. Sono stati su macchine diverse, in momenti diversi, con rivali diversi. Lewis è un grande professionista, ha una grande dedizione, ma Michael ha un’intensità di cui Lewis non ha bisogno”.

Brawn ha poi aggiunto: “Michael ha vissuto in un’era in cui non c’era la tecnologia attuale. Prima era più complicato analizzare i dati, oggi tutti i piloti possono farlo subito dopo essere usciti dall’auto con il proprio ingegnere”.

L’ex dt del Cavallino ha poi svelato un retroscena: “Quando ho iniziato a lavorare con Michael avevamo un foglio di carta dove erano presenti le curve numerate e mi spiegava dove controsterzava, in modo tale da analizzare il tutto successivamente”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

3 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Ferrari

F1 | Ferrari, Sainz e l’emozione della prima volta

Il neo alfiere del Cavallino ha chiuso una giornata indimenticabile, quella dell'esordio alla guida di una Rossa
“L’emozione non ha voce”. Così cantava Adriano Celentano in una delle sue più belle canzoni d’amore. E chissà se anche