F1 | Aprile, data limite per conoscere il futuro di Ricciardo

Al momento Daniel potrebbe rinnovare o andare via dalla Red Bull. E tra un mese scopriremo il suo destino

F1 | Aprile, data limite per conoscere il futuro di Ricciardo

Una data e una scadenza: Aprile. Il destino e il futuro di Daniel Ricciardo ruotano tutti attorno a questo mese. Quando il campionato sarà già iniziato da qualche settimana e forse lui, con la sua Red Bull, avrà capito per cosa lotterà quest’anno per il campionato del mondo. E il 2019 potrebbe rappresentare per lui l’ennesima conferma o la svolta per la sua carriera.

Sebastian Vettel e Max Verstappen – entrambi con contratti fino al 2020 – sono certi di rimanere in griglia nel 2019.  Valtteri Bottas ha ottenuto un prolungamento del contratto di un anno con Mercedes nel 2017 mentre Kimi Räikkönen ha fatto lo stesso con la Ferrari. D’altra parte, i contratti a lungo termine di Lewis Hamilton con Mercedes e Daniel Ricciardo con Red Bull scadono il prossimo dicembre. Ecco perché nella presentazione della nuova vettura del 2018, sia Mercedes che Hamilton hanno affermato di essere molto vicini al raggiungimento di un accordo di rinnovo, e volevano farlo prima del GP d’Australia. Molto probabilmente, si tratterà di rinnovare fino al 2020, l’ultimo anno delle attuali normative tecniche. Il caso di Daniel Ricciardo è un po’ più complesso. Le eventuali opzioni fuori dalla Red Bull, per lui, sono Mercedes o Ferrari, anche se si è parlato della possibilità di sostituire Fernando Alonso in McLaren. La Red Bull, per questo, ha concordato con Ricciardo di trovare una soluzione ad aprile, in maniera tale da correre ai ripari qualora Daniel scegliesse di andare altrove: “Abbiamo concordato con lui una scadenza, sarà entro aprile. Quando arriveremo ​​a questo punto, diremo se abbiamo o non abbiamo rinnovato”, ha svelato Helmut Marko, consigliere della Red Bull, parlando a Sky Sports.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | Altra reprimenda per la Racing Point

Continua il paradosso dopo la strana e opinabile sentenza della FIA di venerdì scorso
La Racing Point si è beccata un’altra reprimenda per aver utilizzato le prese d’aria dei freni incriminate dopo la sentenza