Continua il dramma dell’Autodromo di Monza: nuovo stop nelle trattative tra FOM e ACI?

Previsto un nuovo incontro tra le parti nel corso delle prossime settimane

Trattativa bloccata per via di alcune piccole diatribe che sono nate tra la SIAS e Roberto Maroni, governatore della Regione Lombardia. Quest'ultimo punterebbe a sedersi al tavolo delle trattative e per far ciò avrebbe bloccato un investimento da circa sette milioni di euro
Continua il dramma dell’Autodromo di Monza: nuovo stop nelle trattative tra FOM e ACI?

Quello di Londra doveva essere l’incontro delle firme e invece si è rivelato un autentico buco nell’acqua. Bernie Ecclestone non è riuscito a chiudere la trattativa con Angelo Sticchi Damiani, presidente dell’ACI, e Ivan Capelli, presidente dell’AC Milano, per la conferma del Gran Premio d’Italia a Monza. Una notizia che tutti i tifosi speravano di non sentire e che pone il posto del “Tempio della Velocità” all’interno del calendario mondiale di Formula Uno a serio rischio.

Secondo quanto uscito dall’incontro avvenuto nella capitale britannica, “Mr E” avrebbe accettato l’esborso economico della SIAS per la salvaguardia del Gran Premio (25 milioni proposta iniziale, 18 milioni finali per un accordo su base settennale.ndr), rispedendo però al mittente la bozza di contratto per mancanza di garanzie sulla gestione della corsa e sulla SIAS stessa, società che ricordiamo gestisce l’Autodromo brianzolo. Un autentico colpo di scena che ha fermato una contrattazione che sembrava ormai avviata verso la conclusione.

Il problema nasce dalle piccole diatribe che sono nate tra la SIAS e Roberto Maroni, Governatore della Lombardia, con quest’ultimo che vorrebbe sedersi al tavolo delle trattative insieme alla FOM.

Detto ciò, i sette milioni di investimento (due e mezzo per uso esclusivo dell’impianto.ndr) che la Regione Lombardia dovrebbe girare al Parco di Monza risultano attualmente bloccati e proprio per questo motivo Bernie Ecclestone, prima di una qualunque firma, punta ad osservare la situazione generale dell’Autodromo, valutando attentamente la bontà del progetto sponsorizzato dalla Regione.

Da notare che senza questo investimento risulterebbe impossibile avviare i lavori di ammodernamento del tracciato.

Le parti torneranno a vedersi entro la fine del mese e per quella data la SIAS dovrà trovare le giuste garanzie da portare a Ecclestone. Senza quelle il Gran Premio d’Italia tornerà in una posizione di netta difficoltà.

Leggi altri articoli in News F1

Commenti chiusi

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati