BMW: Heidfeld e Kubica in top 10 in qualifica a Singapore

BMW: Heidfeld e Kubica in top 10 in qualifica a Singapore

Le due BMW sono entrate entrambe nella top 10 in qualifica a Singapore ma Nick Heidfeld e Robert Kubica si aspettavano qualcosa di piu' dell'ottava e nona posizione in griglia. Il duo di Hinwil e' stato infatti condizionato, come altri piloti in lotta per la pole, dall'incidente di Rubens Barrichello.

Nick Heidfeld (ottavo, Q3 – 1m 49.307s):
"Anche se potrebbe sembrare bello essere di nuovo in top 10, dal momento che abbiamo avuto risultati peggiori in questa stagione, sono davvero deluso. La macchina e' migliorata e tutto e' andato bene in Q1 e in Q2. Ma in Q3 non ho potuto sfruttare il vantaggio delle gomme morbide a causa della bandiera rossa. Avevo appena iniziato il mio giro veloce e dalle prime curve era chiaro che per me sarebbe stato un enorme miglioramento, ma poi Rubens Barrichello e' andato a sbattere e la sessione e' stata interrotta. Col senno di poi sarebbe stato meglio utilizzare i pneumatici piu' morbidi in precedenza, ma naturalmente non si vuole sacrificare il vantaggio della pista al meglio negli ultimi minuti della sessione. Semplice sfortuna"

Robert Kubica (nono, Q3 – 1m 49.514s):
"Naturalmente la nostra prestazione in qualifica e' stata influenzata dalla bandiera rossa causata da un incidente di Rubens Barrichello. Credo che la maggior parte dei piloti si trovino in una situazione simile. Abbiamo utilizzato la mescola piu' dura nel nostro primo run in Q3. Questo ci e' costato un sacco di tempo sul giro – le gomme "prime" sono state di circa due decimi piu' lente solo nelle prime due curve rispetto alla mescola piu' morbida. Sara' una gara molto difficile domani. Il tracciato e' molto impegnativo. Richiede molta trazione e stabilita' in frenata. Anche fisicamente il circuito e' molto esigente in quanto vi sono molte curve e si e' sempre in lotta con la macchina. Domani molto dipendera' dal degrado delle gomme e dal possibile surriscaldamento".

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati