Alonso: Partenza in salita ma niente drammi

Alonso: Partenza in salita ma niente drammi

Non è stata la partenza che avremmo tutti voluto ma non è nemmeno il caso di farne un dramma. L’ho già detto ieri sera in circuito: dodici punti sono poco sotto la media tenuta dal campione del mondo dello scorso anno e due candidati al titolo sono finiti alle mie spalle, quindi il bilancio del Gran Premio d’Australia non può essere definito catastrofico.

Certo, in qualifica siamo stati lontanissimi dalla Red Bull di Vettel e lontani dalla McLaren di Hamilton ma in gara la situazione è migliorata, magari non rispetto a Sebastian ma per quanto riguarda gli altri sì. Peccato per la partenza: se non mi fossi ritrovato nono al termine del primo giro avrei potuto giocarmela fino in fondo per i due gradini del podio.

Non sono uno di quelli che ritiene che qualche grado di temperatura in più o in meno possano determinare chissà quali cambiamenti nella prestazione delle vetture in pista quindi non mi sento di dire che il fatto che ieri facesse più caldo rispetto a sabato abbia necessariamente giocato in nostro favore. Venerdì, quando le temperature erano simili a quelle delle qualifiche, la macchina andava molto bene: il giorno dopo, sin dal mattino, non era altrettanto buona e dobbiamo capire perché sia accaduto, analizzando i dati con grande attenzione.

Per me non ci sono state grosse sorprese in questo weekend, soprattutto perché non ero arrivato a Melbourne con un’idea precisa di quali sarebbero stati i rapporti di forze in campo. Dai test, soprattutto quest’anno, era difficile farsi un quadro realistico della situazione. L’unica sorpresa, in positivo, è stata il comportamento delle gomme Pirelli che, almeno all’Albert Park, hanno mostrato un degrado minore di quello che si era visto ai test. Vedremo come andranno le cose in Malesia, a Sepang, su un circuito molto diverso da quello semicittadino dell’Albert Park.

Sono rimasto in Australia e ci resterò fino all’inizio della prossima settimana, quando partirò per la Malesia. E’ importante prepararsi al meglio per i prossimi due appuntamenti, che saranno consecutivi ed entrambi molto impegnativi dal punto di vista fisico, in particolare quello di Sepang, dove si gira con temperature elevatissime.

Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

19 commenti
  1. Denis

    28 Marzo 2011 at 21:25

    Vai NANDO!

  2. Fernando

    28 Marzo 2011 at 21:26

    Un vero leader non attacca la squadra e non cerca scuse: da questo punto di vista Alonso lo è!
    Speriamo sia anche capace di aiutare i tecnici a capire cosa accade in pista, perché li vedo un po’ in confusione.
    Il venerdì, magari, giravano tutti senza esprimere i veri valori, il sabato la maschera è caduta.
    Speriamo bene per Sepang, quella è una pista con curvoni veloci, se non c’è carico si vede subito…

  3. Sergio

    28 Marzo 2011 at 21:34

    Unico vero Leader in circolazione. Piloti ce ne sono tanti, di Leader c’è solo lui e, se continua cosi, vedo bene Rosberg.

  4. raffaele

    28 Marzo 2011 at 22:34

    grande fernando sei il piu forte. il titolo è tuo quest anno. non mollare

  5. jolli27

    29 Marzo 2011 at 08:33

    ” il titolo è tuo quest’anno . ” sinceramente ho qualche serio dubbio su quest’affermazione .

  6. giov

    29 Marzo 2011 at 09:27

    E’ presto per dirlo, sia che vincerà e sia che non vincerà!

  7. Beppe (tifoso Redbull)

    29 Marzo 2011 at 09:57

    Secondo me Fernando è stato il miglior pilota in gara, non era facile rimontare dalla nona posizione alla quarta.
    Bei sorpassi, concordo con i ferraristi gran leader e gran pilota, nulla che dire.
    Veri complimenti.
    Avrà sicuramente modo di rifarsi.
    Beppe

  8. Alex

    29 Marzo 2011 at 10:50

    Beppe ho visto molti dei tuoi commenti in giro e devo dire che nonostante tu sia tifoso red bull sei obiettivo riguardo alcuni commenti, ce ne fossero persone come te! Cmq forza Alonso, quest’anno la vedo dura vista l’impressionante superiorità della red bull ma non si deve mollare!

  9. Beppe (tifoso Redbull)

    29 Marzo 2011 at 11:01

    @ Alex
    devo essere sincero, Alonso mi è piaciuto domenica in gara, anche se sono tifoso Redbull.
    Piloti talentuosi e capaci esaltano lo sport e la qualità F1.
    Non si è abbattuto dopo una partenza difficile (non per colpa sua) e a differenza di Massa ha cercato di raddrizzare un weekend difficile.

    Beppe

  10. Faffo78

    29 Marzo 2011 at 13:46

    A me preoccupa la mancanza di grip della Ferrari e l’eccessivo consumo che fa delle gomme…
    La Sauber ha lo stesso motore e cambio e di soste ne ha fatte 3 in totale contro le 6 della Ferrari…

  11. benni

    29 Marzo 2011 at 14:50

    Beppe, anche se sei tifoso red bull ti stimop tanto per la tua obbiettività! 😀

  12. Luca

    29 Marzo 2011 at 16:52

    Fernando ha un gran talento e domenica abbiamo avuto l’ennesima dimostrazione, la Ferrari saprà reagire ai problemi, una volta risolto l’enigma del funzionamento dell’ala anteriore.

  13. Manuel (tifoso Vettel-RedBull)

    29 Marzo 2011 at 17:32

    @Luca
    il problema è che gli altri non stanno a guardare e tutti migliorano, secondo me per recuperare il gap che la ferrari ha servirà un colpo di genio un qualcosa magari di rischioso che però se funziona ti permette di recuperare un bel po’

  14. max

    29 Marzo 2011 at 17:45

    magari un problema dell’ inserimento in curva potrebbero essere le due enormi piastre messe lì a tenere su l’ala anteriore, nn sono un tecnico ma mi sembrano un tantino esagerate tanto che domenica ero convito che tiravano fuori l’ asso mettendo sù un nuovo alettone anteriore con due elementi più simili a quelli delle altre monoposto, invece ….

  15. Manuel (tifoso Vettel-RedBull)

    29 Marzo 2011 at 17:52

    @max
    non credo sia quello il problema altrimenti la pinna gigante che avevano fino allo scorso anno avrebbe creato lo stesso problema
    credo sia più una questione di aerodinamica o sospensioni

  16. giacomo

    29 Marzo 2011 at 22:12

    questo pilota “beneficiario a sua insaputa dell’incidente fasullo di Piquet”, non drammatizza mai, anche quando prende un sacco di bastonate;
    che spirito! ma si sa,adesso che è dei nostri è un santo , oltretutto bravissimo…
    bene continua così e i prossimi dieci titoli saranno tuoi

  17. Vincenzo

    30 Marzo 2011 at 09:59

    29 marzo 2011
    jolli27 . ” il titolo è tuo quest’anno . ” sinceramente ho qualche serio dubbio su quest’affermazione .

    hai perfettamente ragione, pure io nutro qualche perplessità sulla regolarità della RedTruff , vedi spoiler anteriore…ma la Fia interverrà quando la Ferrari aggiusterà il tiro e sarà troppo tardi…che bravi alla RedTruff e quelli della FIA.

  18. fiore

    30 Marzo 2011 at 13:20

    Sicuramente ci aspettavamo una ferrari più competitiva in qualifica. Purtroppo non è stato così. Ma l’esito finale della gara, a parte il 5° posto di Alonso, secondo me fa ben sperare per il prossimo futuro. Sicuramente per la prossima gara non possiamo sperare ad un miracolo, ma vista l’enorme capacità di Alonso, presumo che tra un mese saranno gli altri a rincorrere la Ferrari. Vai Alonso che sei un vero Leader.

  19. mauro

    31 Marzo 2011 at 21:29

    sarà anche vero quello che dice alonso ….e lo vedremo nelle prox gare ….ma guardando l’espressione che ha non direi….la fortuna che ha in questo momento è che non ha un compagno di squadra che va più forte di lui ….vorrei vedere poi se continua a parlare così..da dopo che si è fatto praticamente calpestare da hamilton non è più stato alonso mi auguro che ritorni presto altrimenti la ferrari non ha capito niente di piloti e continuerò a sostenere l’unica cosa sensata di scumi dopo il suo ritiro cioè che la ferrari doveva prendere vettel…ti prego alonso fammi cambiare idea

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati