Test F1 Barcellona 2018, Giorno 1: Mattinata alla Red Bull di Ricciardo

La RB14 ha preceduto Mercedes e Ferrari

Test F1 Barcellona 2018, Giorno 1: Mattinata alla Red Bull di Ricciardo

Sul finire della mattinata è Daniel Ricciardo a far segnare il miglior tempo in questa prima giornata di test al Montmelò. Il pilota Red Bull, al volante della RB14 equipaggiata con la mescola medium, ha fermato il cronometro a 1:20.179, davanti alle monoposto di Bottas, staccato di quasi 2 decimi, Raikkonen, Hulkenberg, Hartley, Stroll, Grosjean, Alonso, Ericsson e Mazepin.
La sessione mattutina ha visto sventolare due volte la bandiera rossa, per l’uscita di pista di Alonso con la McLaren e del driver di riserva Mazepin al volante della Force India. I piloti torneranno in pista alle 14.10 dopo la consueta pausa pranzo, per proseguire i test fino alle 18.10.

Cronaca – La stagione 2018 di F1 si apre con le ultime due presentazioni mancanti, quelle di Toro Rosso e Force India, che svelano le nuove monoposto in pit lane poco prima del via ufficiale ai test invernali. Ed è proprio la STR13 con Brendon Hartley a dare il via alle danze, quando sono le 9.10 al Montmelò. Bottas e la Mercedes W09 lo seguono subito dopo. Anche Raikkonen è tra i primi in pista e dopo soli tre giri ferma subito il cronometro a 1:58.273. Nella loro prima uscita i team si concentrano sui dati aerodinamici, con diverse monoposto equipaggiate con le consuete ali rastrellate. Nel giro di dieci minuti arriva però la Mercedes di Bottas a piazzarsi davanti alla SF71H, con il tempo di 1:28.762, presto ritoccato a 1:25.234 e quindi a 1:22.952, mentre Raikkonen è rientrato ai box.

Alonso si accoda a Bottas con il tempo di 1:24.202, seguito da Ricciardo a 4 secondi. Ma poco dopo lo spagnolo finisce nella ghiaia in curva 16, dopo aver perso la posteriore destra prima dell’uscita di pista. Dalla McLaren più tardi comunicheranno che si è trattato di un problema a un dado. Bandiera rossa e sessione che riparte dopo una quindicina di minuti.

A un’ora dal via Bottas guida il gruppo seguito da Alonso, Ricciardo, Hulkenberg, Hartley e Raikkonen, che torna a girare dopo una lunga pausa e abbassa il suo crono a 1:29.114. Bottas si migliora a sua volta e fissa il tempo di riferimento a 1:22.435. I piloti hanno segnato i rispettivi crono tutti con la mescola medium. A quasi due ore dal via manca all’appello nella lista dei cronometrati solamente la Sauber di Ericsson, che ha comunque effettuato una decina di giri. Bottas prosegue al comando, seguito da Hulkenberg Grosjean, Ricciardo, Alonso, Hartley, Mazepin, Raikkonen e Stroll. Pochi minuti e il tedesco della Renault si piazza davanti grazie al tempo di 1:21.326.

Ericsson completa finalmente la lista dei cronometrati con il tempo di 1:39.340. Raikkonen si prende la terza posizione in 1:21.986, ma ecco che sventola di nuovo bandiera rossa: questa volta è la Force India di Mazepin protagonista di un’uscita in curva 4. A un’ora dalla pausa pranzo, Hulkenberg precede Bottas, Raikkonen, Ricciardo, Stroll, Grosjean, Hartley, Alonso, Mazepin, Ericsson. La Renault dà il via a un botta e risposta con la Ferrari di Raikkonen, che passa in testa in 1:21.064, e quindi migliora a 1:20.970. Hulkenberg gli risponde poco dopo in 1:20.547; Raikkonen replica a sua volta in 1:20.506, mentre Alonso è pronto a tornare in pista.

Nei minuti conclusivi della sessione Hulkenberg e Grosjean passano alla mescola soft. Bottas torna davanti in 1:20.349, mentre Alonso è tornato a girare. Quando si avvicina la prima bandiera a scacchi della giornata Ricciardo schizza davanti a tutti con il miglior tempo di 1:20.179, chiudendo al comando davanti a Bottas, Kimi, Hulkenberg, Hartley, Stroll, Grosjean, Alonso, Ericsson e Mazepin.

Test F1 Barcellona, Giorno 1 mattino – Tempi, risultati e giri

Test F1 Barcellona 2018, Giorno 1: Mattinata alla Red Bull di Ricciardo
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati