Red Bull, Mark Webber: “Devo lavorare duramente per tornare forte il prossimo anno”

Red Bull, Mark Webber: “Devo lavorare duramente per tornare forte il prossimo anno”

Mark Webber pensa che una migliore prestazione in qualifica e un primo stint forte in gara siano fondamentali per ottenere la vittoria in Formula 1.

L’australiano sta inseguendo la sua prima vittoria della stagione, con solo due Gran Premi rimanenti in calendario, ma capisce dove è carente rispetto al campione del mondo e compagno di squadra Sebastian Vettel.

Anche se il sospetto all’inizio di quest’anno era che Webber stava lottando per prendere confidenza con le nuove gomme Pirelli, il pilota della Red Bull Racing calcola che la sua situazione complessiva è più riferita al fatto di essere troppo indietro nelle fasi iniziali delle gare.

Cosi Webber in una intervista: “Il primo stint della gara, dalla partenza al primo pit stop, è ancora molto importante, quasi quanto lo era negli anni precedenti. Con la differenza che, quando abbiamo avuto in gara il rifornimento si poteva essere flessibili con le strategie, passando da una fermata o due.”

“Al giorno d’oggi è praticamente tutto deciso fin dall’inizio, soprattutto se si corre per le prime quattro posizioni. Ovviamente si può fare un catch-up in gara, come Jenson ha fatto, come ho già fatto troppo volte.”

“Ma in generale, i tre davanti fanno le stesse cose in gara. Se invece si rimane indietro ed è necessario lottare per recuperare, le gomme si degradano rapidamente. In pratica, non ho mai fatto abbastanza nella prima parte della gara.”

Webber crede che la sua situazione è in completo contrasto con Vettel, che è stato molto forte in qualifica ed ha controllato quasi tutti i Gran Premi davanti quest’anno.

“All’inizio della stagione così ho chiaramente ho avuto alcuni problemi di affidabilità che non mi hanno aiutato. Sono contento di alcune cose, ma non ho mai raggiunto il livello dell’anno scorso, soprattutto perché non ho avuto una posizione nel posto giusto nei primi giri. E poi non sono stato abbastanza veloce in qualifica.”

“Seb è esattamente l’opposto di me: molto forte nelle qualifiche del Sabato, molto forte nella prima parte della gara.”

Anche se Webber spera che il divieto sui diffusori soffiati lo aiutera’ dice che non vive nella speranza che le cose cambieranno definitivamente il prossimo anno.

“Le vetture sono molto diverse. Ecco perché mi auguro, dita incrociate, che il prossimo anno, con il divieto sugli scarichi..” ha spiegato. “A volte mi dicevo: cosa diavolo sta succedendo, la più piccola cosa rende la vettura in un modo piuttosto che in un altro.”

“Ma io non voglio vivere nella speranza. Ho bisogno di lavorare duramente per tornare forte l’anno prossimo. Nella prima parte della stagione ho avuto difficoltà con i pit stop, mentre ora no, ma non riesco ancora a trovare un buon ritmo di gara, è come un puzzle. La prossima mossa è quella di essere regolarmente nelle prime file.”

Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

13 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati