Nelsinho Piquet difende Felipe Massa

Nelsinho Piquet difende Felipe Massa

Nelsinho Piquet, da buon brasiliano qual è non ci ha pensato due volte a far sentire la propria voce in difesa di Felipe Massa, suo connazionale… fin qui niente di strano!

I media brasiliani hanno difeso Massa, sulla questione dell’ordine di scuderia, ma non si sono lasciati scappare l’occasione di, metaforicamente, lapidare il pilota brasiliano accusandolo di non aver un briciolo di coraggio per non essersi opposto all’ordine.

Cambio di testimone al vertice in quanto il “criticato dell’anno” in quel del Brasile, nel 2009, è stato Nelsinho Piquet che sostenne che gli fosse stato imposto da Flavio Briatore di schiantarsi deliberatamente a muro nel corso del GP di Singapore del 2008 con lo scopo di far uscire la Safety-Car e di far vincere il compagno Fernando Alonso.

“E’ facile criticare… ma il buco è molto più profondo” – ha detto il brasiliano 25 enne, attualmente impegnato in NASCAR ed ha continuato “Massa ha agito come tanti altri piloti in quella condizione avrebbero fatto e non si scherza con queste cose. Quando Barrichello se ne andò dalla Ferrari aveva dichiarato che era stato minacciato di perdere il lavoro se nel 2002 in Austria non avesse fatto passare Schumacher”.

A smorzare i toni dell’ex pilota della Renault entra in campo Mika Salo, finlandese che nel 1999 sostituì l’infortunato Schumacher e parla della faccenda al giornale finlandese Tutun Sanomat.

“Era stato subito messo in chiaro che nel caso in cui mi fossi trovato Eddie (Irvine, all’epoca compagno di squadra) alle spalle, avrei dovuto farlo passare, era quello il mio lavoro. In Germania, nel 1999, stavo conducendo la gara: ho visto Irvine superare Frentzen e pochi secondi dopo mi venne confermato via radio da Ross Brawn che avrei dovuto cedergli la mia posizione.

Non è questione di correttezza o scorrettezza: queste cose in F1 ci sono sempre state e l’azione della Ferrari è tutt’altro che insensata perché con Alonso hanno più possibilità di vincere il titolo.

Questo non toglie che avrebbero dovuto gestire meglio la situazione soprattutto quando, via radio, l’ingegnere di Massa gli ha chiesto – scusa –“.

Uno a uno palla al centro! Sulla faccenda si è sbilanciato anche Joan Villadelprat, capo dell’Epsilon Euskadi, uno dei possibili nuovi team che correranno in F1 dal prossimo anno.

Villadelprat, attraverso la colonna che tiene sul quotidiano spagnolo “El Pais” fa sapere che per quanto lo riguarda tutta questa storia rappresenta un precedente pesante, una violazione del regolamento.

“Hanno imbrogliato! Massa non ha avuto altra scelta ma è possibile che il Consiglio Mondiale non riesca a dimostrare questo plateale raggiro.

Mi ricordo che nel 2002 Barrichello, ricevette delle minacce a riguardo del suo contratto se non avesse fatto passare Schumacher. Il danno maggiore non è rappresentato dalla multa o da un’eventuale sanzione ma da come il brillante lavoro degli uomini Red Bull e dei loro piloti si stato disgregato da questo comportamento antisportivo e oltraggioso da parte della Ferrari.

Qualcuno deve parlare assolutamente! E qualcuno dovrebbe dire a Fernando di calmarsi così eviterebbe di ripetere commenti del tipo – questo è ridicolo – nel momento in cui prova a superare il compagno”.

Se l’Epsilon Euskadi sarà il 13° team della F1 voleranno fuoco e fulmini sul cielo del “circus” con questo Villadelprat che non se le fa mandare a dire.

Eleonora Ottonello

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

14 commenti
  1. vincenzo

    28 Luglio 2010 at 09:42

    Villadelprat il galoppino di ron dennis,guarda chi si risente,uomo di specchiata moralità sportiva ma và a cag…piquettino hai perso un’occasione per stare zitto era meglio un No Comment,Vettel:quello che è successo domenica in ferrari è una commedia,almeno i giornali e la gente avranno di che parlare,sono perfettamente d’accordo, pensa se adesso stavamo a parlare di quello che sarebbe successo se agganciavi Alonso alla partenza e volavi o volavate in aria con tutti dietro addosso…sai che parlare,a proposito la FIA molto tempestivamente vuole introdurre una nuova regola: I piloti tutti fino alla prima curva non debbono cambiare tassativamente traiettoria,o forse si aspetta il patatrac?

  2. schubaffo

    28 Luglio 2010 at 10:01

    Mi chiedo come mai un lavoratore DIPENDENTE, LAUTAMENTE STIPENDIATO, debba essere difeso/accusato per avere eseguito quanto richiesto dal datore di lavoro, che gli paga lo stipendio… Bah

  3. gian

    28 Luglio 2010 at 10:05

    non penso che massa abbia bisogno della difesa dei perdenti …(piquet jr). Per quanto riguarda villadalprat, prima di parlare dovrebbe entrare in f1, per ora la sua opinione e’ valida quanto la mia. Il muretto ha fatto benissimo, ci sono troppi interessi sotto.

  4. Tony

    28 Luglio 2010 at 10:17

    Ma lo intervistano ancora a Piquet???

  5. cosimo

    28 Luglio 2010 at 10:20

    piquet pensa davvero di “paragonare” il suo ordine di scuderia a quello di un semplice sorpasso???

    sarebbe come paragonare un omicidio con un furto alle bancarelle del mercato….

    piquet…va a cagà

  6. alfredo

    28 Luglio 2010 at 12:05

    Ma Villadelprat non era quello che ai tempi di Schummy alla Benetton, utilizzva la proedura scorretta del software segreto alla partenza che poi si autocancellava?

  7. Michel

    28 Luglio 2010 at 12:07

    vergogna Ferrari Antisportivi

  8. Manu

    28 Luglio 2010 at 13:06

    lol

  9. ABART

    28 Luglio 2010 at 13:53

    fra un pò pure quello che guida la safety car comincerà a dire la sua.

    qui parlano tutti brodo e acini e alla fine avete solo con le vostre stesse mani ucciso la f1.

    ripeto se ci si decide a staccarsi dal frustino di mosley ecllestone e la fia siamo tutti alla merce di questo CIRCUS così chiamato proprio perchè di circo si tratta.

    1)non ci sono regole chiare(=il più furbo e non il più bravo che aggira il regolamento meglio vince)
    2)i responsabili non sono responsabili e non danno punizioni eque con tutti
    vedi caso hamilton che puzza fuo d’ogni cosa
    (e non è perchè tifo ferrari)da fastidio una che fa come gli pare e le pene fanno ridere o sono ininfluenti.
    3)le squadre o le mettete o non le mettete
    se ci sono dentro una squadra non può essere un altro a dirmi cosa fare con i piloti che pago e pilotano le mie macchine.
    4)che imbroglia bara e sbaglia volontariamente via minimo per 5 gare,vuoi vedere che diventano tutti bravi e buoni.
    pene severe e chiare
    5)basta con team minori che fanno ridere se volete più auto chiamate chi sa costruire auto
    no il circoletto di pickwick o qualche prestamone di turno.
    6)rispetto per chi ha fatto la storia
    e questo non significa che possa fare come voglia ma che nessuno deve permettersi di accusare così ogni lunedì team piloti e squadra per o ogni cosa.siamo stufi e ci avete annoiati.
    7)per il povero massa rispetto come uomo per il dramma ma come pilota non ha stile per imporsi in ferrari,a volte sarà veloce ma è di fianco ad alonso semplicemente un mediocre e anche in particolare mentalmente parlando.il pilota deve avere anche testa e lui ne ha poca si comporta più come un bambino vedi hamilton e vettel.quelli con la testa li vedi in ogni cosa e uno come webber o kubica o schumi alonso si che ne hanno da vendere di testa.
    button è insipido quindi la sua collocazione è difficile forse a metà il resto è poco classificabile.

  10. Michel

    28 Luglio 2010 at 14:00

    la Ferrari è protagonista nel­ 70% dei casi!!!! Aggiungerei soltanto che lei ha­ dimenticato il 2007 ove Massa ha lasciato punti e­ posizioni a Kimmi, punti poi decisivi per vincere il­ mondiale piloti. Nel 2008 Kimi ha lasciato, a sua­ volta, punti e posizioni a Massa che per poco vinceva­ il mondiale. Quindi la percentuale dei sorpassi immondi­ a favore della Ferrari sale ulteriormente.
    Il sorpasso­ di Hamilton in Turchia rimane una fattispecie dubbiosa­ in quanto i due piloti hanno punteggi che, per adesso,­ non lasciano indovinare chi farà più punti alla fine.­
    Tornando sui fatti di domenica scorsa, Massa è uno che­ non ha ancora recuperato completamente­ dall’incidente dell’anno scorso, almeno a­ livello psicologico. Non era il caso di lasciarlo­ vincere la sua corsa? Ecco perché tutti, tranne che­ qualche tifoso della Ferrari, condannano questa­ vicenda. Al di là dell’interdetto che poi c’è,­ e come, si è arrivato anche a dimenticare il lato umano­ delle cose. Massa ha gente che gli vuole bene, ha tutto­ il Brasile dietro, ha una moglie, dei genitori, lo ­ vogliono veder vincere dopo un’incidente­ spaventoso. E non dare 7 punti e un’intera vittoria­ agli sciacalli!!!!! Alonso era più veloce? Allora lo­ superava come fa Rosberg con schumi come fanno Weber,­ Hamilton, Vettel con i compagni quando le posizioni non­ sono ancora congelate. Perché è stupito attacare il­ proprio compagno negl’ultimi giri della gara, puo­ creare un clima disastroso!!!

    Ora lasciatemi dire, i­ sorpassi come li fa la Ferrari sono crudeli ed inumani.­ Togliendo la vittoria a Massa, si toglie la possibilià­ ad un ragazzo di rifarsi bene, si toglie la possibilità­ d’ascoltar l’inno brasiliano ( frustrazione per­ quasi 200 milioni di persone), questi sono danni­ simbolici mica piccoli, non si possono neanche­ valutare.

  11. schubaffo

    28 Luglio 2010 at 14:25

    …ho quasi le lacrime agli occhi per la commozione… ma fatemi il piacere…

  12. schubaffo

    28 Luglio 2010 at 15:07

    Pensate se a fine stagioen Alonso avesse perso il mondiale per 6 punti… cosa avrebbe detto la gente di Domenicali & Co.??? Lasciamo stare…

    Penso che tante persone che scrivono su questo forum e su tanti giornali (cosa ancora più grave, quelli sono pagati per scrivere!!!) d’oltremanica dovrebbero scendere dalla loro nuvoletta popolate di gnomi, puffi e power rangers e calarsi nella realtà dove c’è gente che lavora, che investe soldi (tantissimi!!!) e che si batte per raggiungere un obiettivo lavorando come squadra.

  13. Max

    28 Luglio 2010 at 19:10

    Mi chiedo, se nel secondo tentativo di sorpasso da parte di Alonso si fossero buttati fuori, quale sarebbe stato il commento dei brasiliani. Be posso immaginare che secondo loro la vittoria del GP era orami cosa di Massa e che Alonso non doveva tentare il sorpasso. Ricordiamoci che fino a questo GP Massa era praticamente inconsistente, è ha dato ben poco alla Ferrari che comunque gli ha esteso il contratto per altri due anni, be, pare che se ne sia dimenticato subito. Ricordiamo inoltre che il modo in cui si è fatto sorpassare non ha lasciato VOLUTAMENTE alcun dubbio ai detrattori della Ferrari. Di questo lo ringraziamo vivamente.

  14. Motore Asincrono Trifase

    29 Luglio 2010 at 11:46

    non commento l’accaduto.Dico solo che e’ evidente che le regole non le rispetta nessuno e i furbi sono tutti.Tutti cercaano di aggirare il regolamento anche se alcuni non ci riescono proprio.Mi sembra giusto che alcuni parlino dopo il casino fatto dalla ferrari.O la ferrari pretendeva di tirare strali a destra e manca per il regolamento e quando non lo rispetta lei gli altri stanno zitti?

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati