Mercedes, Norbert Haug: “Stiamo lavorando duramente per risolvere i nostri problemi”

Mercedes, Norbert Haug: “Stiamo lavorando duramente per risolvere i nostri problemi”

Il capo di Mercedes Motorsport, Norbert Haug, accetta le critiche piovute sul team dopo le ultime deludenti prestazioni, ma dice che l’attuale condizione della Mercedes è un passo necessario in vista di un futuro più promettente.

Nessuno dei due piloti del team sono andati a punti da settembre nel Gran Premio di Singapore. La squadra ha ormai perso ogni speranza di battere la Lotus al quarto posto nel campionato costruttori ed è a rischio di perdere il quinto posto a favore della Sauber.

Il team ha introdotto un importante pacchetto di aggiornamento, in primis il nuovo scarico con effetto Coanda, a Singapore.

Haug ha detto che c’è la necessità di apprendere pienamente questi sviluppi, e concentrare più sforzi per aggiornare il programma nella galleria del vento. Quindi la squadra sta lavorando per migliorare ma i progressi non si riflettono ancora in pista.

“Certamente non abbiamo ottenuto tutti i benefici dal nuovo scarico ad effetto Coanda”, ha detto Haug rispondendo alla domanda sui problemi della Mercedes.

Haug ha insistito sul fatto che la Mercedes ha dimostrato di poter vincere dei Gran Premi, non vi e’ quindi motivo di dubitare che potrà tornare al vertice una volta che i suoi attuali problemi saranno risolti.

“Non abbiamo avuto una vittoria in regalo”, ha detto.

“La pista di Shanghai era adatta alla macchina, siamo stati certamente veloci a Monaco e a Montreal. Ci sono state probabilmente una manciata di gare in cui siamo stati abbastanza competitivi.”

“Ma è giusto dire che, dalla pausa estiva non siamo stati dove volevamo essere, e ci sono dei motivi per questo.”

“Il primo è che abbiamo bisogno di esplorare lo scarico Coanda. Questo non ci sta dando il massimo beneficio al momento a mio giudizio. D’altra parte, abbiamo bisogno di fare questo programma in galleria del vento. Stiamo tutti lavorando duramente per essere piu’ forti il prossimo anno.”

Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

21 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati