Marciello: “Soddisfatto dei miei run a bordo della C34”

"Oggi è andata nettamente meglio rispetto a Sepang"

Marciello: “Soddisfatto dei miei run a bordo della C34”

Le quindici tornate effettuate durante le libere 1 di questa mattina hanno consentito a Raffaele Marciello di aumentare la propria esperienza a bordo di una vettura di Formula Uno.

In un’intervista rilasciata a Sky Sport F1 HD, l’italiano della FDA (Ferrari Driver Academy.ndr) ha commentato positivamente i run di questa mattina, spiegando di non aver tirato fuori il 100% dalla propria monoposto. Una prestazione importante che conferma i grandi passi in avanti fatti dal talento italiano durante l’inverno.

La sessione svolta precedentemente in Malesia, inoltre, gli ha consentito di lavorare non solo sul set-up, ma anche sulla prestazione pura della vettura elvetica. Marciello, ricordiamo, tornerà alla guida della C34-Ferrari nei test in-season della settimana prossima, sempre sul tracciato spagnolo del Montmelò.

Ecco le parole del pilota italiano: “Sicuramente oggi è andata meglio rispetto a Sepang, anche perché qua conoscevo già la pista, avendoci corso sia in F3 che in GP2. Sapevo già cosa aspettarmi dalla vettura e sapevo dove mettere le ruote in pista, quindi è stato tutto un po’ più facile rispetto alla Malesia”.

“Nel primo run – ha proseguito – erp solo a due decimi da Felipe, salvo poi allontanarmi per via di alcune prove di set-up. Sono soddisfatto della mia prova, anche perchè non abbiamo tirato fuori il massimo. I test della settimana prossima ci daranno molte più indicazioni per quanto riguarda la prestazione pura”.

Roberto Valenti
Twitter: @RobertoVal94

Marciello: “Soddisfatto dei miei run a bordo della C34”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

5 commenti
  1. SuperKIMI2007

    8 maggio 2015 at 16:14

    Se fossi in lui mi concetrei maggiormente sulla sua categoria visto che in Bahrain non ha preso punti in entrambe le gare e nelle prove libere odierne se beccato un 1 sec da Vandoorne

  2. lucaraikkonen

    8 maggio 2015 at 17:19

    Ma secondo me alla FDA dovrebbero cambiare approccio. Se vogliono portare un italiano in f1 devono offrire un sedile in ogni piccola categoria ai migliori elementi(senza valigia, solo talento) e poi alla fine anche un sedile in una scuderia satellite(sauber o haas) insomma redbull insegna, alla fine hanno fatto esordire un sacco di piloti nuovi, poi di vettel o ricciardo mika ce ne tanti ma senza un programma serio non sarebbero dove sono.

    • lucaraikkonen

      8 maggio 2015 at 17:22

      Cioè se sainz e verstappen sono titolari perché marciello fa solo le p1? Se non è all’altezza lo si dica subito se no visto che ferrari fornisce motori milionari imponga almeno un pilota. Dovrà fare esperienza. il tutto e subito è dura da soddisfare.

      • and.90

        8 maggio 2015 at 18:45

        Ferrari fornisce motori, ma si fa pagare fior fior di soldi. Mica la dà gratis!

  3. rasko

    9 maggio 2015 at 11:27

    Si spera un giorno di rivedere un pilota italiano in F1.
    Ma che abbia una macchina un minimo dignitosa oltre che talento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati