Lowe: “Gli ordini di scuderia appartengono all’era Schumi”

Per il dt Mercedes le gare devono essere libere

Lowe: “Gli ordini di scuderia appartengono all’era Schumi”

Secondo Paddy Lowe la meraviglia espressa dal paddock per la decisione Mercedes di non dirigere i duelli in pista tra Hamilton e Rosberg direttamente dal muretto, o meglio a tavolino, sarebbe figlia di abitudini del recente passato.

“Ad inizio stagione la gente era sorpresa dal nostro atteggiamento e della ritrosia verso gli ordini di scuderia – ha spiegato il direttore tecnico ad Autosport – C’era chi ci criticava dandoci degli idioti, in particolare a seguito degli accadimenti del Bahrain. A tutti pareva di assistere ad una sorta d’inversione di tendenza, quella di una pratica nata probabilmente nel periodo di Schumacher in Ferrari durante il quale lui era l’indiscusso numero uno. Prima di allora infatti nessuno si sarebbe mai posto la questione. Ad ogni modo per me le gare devono restare tali e alla fine è così che dovrebbe essere sempre la F1”.

Chiara Rainis

Lowe: “Gli ordini di scuderia appartengono all’era Schumi”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

9 commenti
  1. Weih

    15 agosto 2014 at 21:24

    questa uscita di Lowe è come uno che ha appena scoreggiato a tavola e che dice “certe cose si fanno in bagno!”. ma come, proprio tu ci fai il sermone sugli ordini di scuderia?? dopo l’ungheria?! ma dai! oltretutto avessi detto cose sensate, gli ordini di scuderia esistono da anni. ben prima dell’era Schumacher. e per quel che si è visto fino ad oggi, siamo lontani dal poter dire che appartengono al passato…

    -Fernando is faster than you
    -Please, maintain the gap
    -Multi 21
    -Valtteri is faster than you
    -Let Nico pass

    • gtv916c

      17 agosto 2014 at 10:44

      Non solo, ma l’anno dopo Schumi ha hanche fatto del “solido” a tavola. Impossibile che nella posizione in R&D in cui era in McLaren non abbia avuto parte più che attiva nella storia dei progetti Ferrari rubati. Un vero De Cubertain quest’individuo.

  2. grippato

    15 agosto 2014 at 22:05

    Chiedete a Bernie se in Brabham non si facevano ordini di scuderia… Giusto per dirne una eh.

    Più che altro, dal post Schumacher-Ferrari c’è la pratica dei vincitori a ribadire in modo buffo e ridicolo quanto sono bravi loro e quanto erano cattivi quelli della Ferrari.
    Partendo dalla Renault con Briatore e Alonso, passando per la McLaren e soprattutto la redbull con le perle di saggezza di Marko e altre amenità “umoristiche” per arrivare a Lowe che si sta facendo in quattro per diventare il nuovo pagliaccio N.1 della F1.

    • Marcocelli

      15 agosto 2014 at 22:45

      tanti discorsi …..
      ma alla fine della fiera solo Schumacher è stata una prima guida a tavolino, sempre e comunque.

      • grippato

        15 agosto 2014 at 23:16

        L’importante è crederci 😉

      • MSC Crociere

        15 agosto 2014 at 23:19

        Numeri alla mano non fu poi cosi sbagliata come politica, certo non bella per lo sport ma sicuramente redditizia per massimizzare i risultati della squadra.

        Schumacher ce lo avra’ anche avuto scritto nel contratto di essere la prima guida ma se lo e’ anche guadagnato a suon di risultati quello status..

      • voicelap

        16 agosto 2014 at 17:41

        Da non tifoso sfegatato di Michael ti faccio una domanda: secondo te quale tra questi piloti anche a parità di macchina e trattamento sarebbe stato in grado di battere Michael?
        Herbert, Irvine, Barrichello, Massa. Dalla lista ne manca uno, Piquet, che quando Michael arrivo in Benetton era prima guida. Alla prima qualifica gli rifilo mi pare 1 secondo o più. Se volete credere ancora alle storie delle prime guide a tavolino fate pure…ma la verità è tutta qua: la prima guida è il pilota più forte. Nessun team sarebbe così autolesionista da favorire il proprio pilota più lento.

      • voicelap

        16 agosto 2014 at 17:44

        Forse ho dimenticato Patrese e Verstappen…sul primo son sicuro sul secondo quasi…ma il senso non cambia

  3. MSC Crociere

    15 agosto 2014 at 23:22

    Facile fare i saggi nell’anno in cui la loro auto e’ 1 secondo al giro piu’ veloce rispetto alle altre. Solo un anno fa ,in malesia se non ricordo male, l’ordine era arrivato eccome e le posizioni 3 e 4 erano state congelate.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati