Gran Premio di Ungheria, Anteprima FLASH: Meteo e Orari Aggiornati

Gran Premio di Ungheria, Anteprima FLASH: Meteo e Orari Aggiornati

Orari Aggiornati

Venerdì 24 Luglio

Libere 1: 10:00-11:30 (Sky Sport F1 HD – RaiSport 1)

Libere 2: 14:00-15:30 (Sky Sport F1 HD – RaiSport 2)

Sabato 25 Luglio

Libere 3: 11:00-12:00 (Sky Sport F1 HD – RaiSport 2)

Qualifiche: 14:00 (Sky Sport F1 HD – Rai 2)

Domenica 26 Luglio

Gara: 14:00  ̶  70 giri  ̶  306,630km (Sky Sport F1 HD – Rai 1)

Meteo Aggiornato:

Venerdì: Temperature tra i 23°C e i 33°C. Cielo: Parzialmente sereno. Probabilità di precipitazioni o pioggia pari al 30%

Sabato: Temperature tra i 22°C e i 34°C. Cielo: Soleggiato. Probabilità di precipitazioni o pioggia pari al 30%

Domenica:

Quote per la Pole Position:

  • HAMILTON LEWIS
  • 1,53
  • ROSBERG NICO
  • 3,00
  • VETTEL SEBASTIAN
  • 9,00
  • RAIKKONEN KIMI
  • 25
  • BOTTAS VALTTERI
  • 66
  • MASSA FELIPE
  • 75
  • ALTRO
  • 33

Quote Per la Vittoria:

  • HAMILTON LEWIS
  • 1,55
  • ROSBERG NICO
  • 3,50
  • VETTEL SEBASTIAN
  • 8,00
  • RAIKKONEN KIMI
  • 20
  • BOTTAS VALTTERI
  • 40
  • MASSA FELIPE
  • 40
  • RICCIARDO DANIEL
  • 150
  • KVYAT DANIIL
  • 150
  • HULKENBERG NICO
  • 200
  • GROSJEAN ROMAIN
  • 200
  • VERSTAPPEN MAX
  • 200
  • MALDONADO PASTOR
  • 250
  • PEREZ MENDOZA SERGIO
  • 250
  • SAINZ JR CARLOS
  • 250
  • ALONSO FERNANDO
  • 300
  • BUTTON JENSON
  • 300
  • ALTRO
  • 300

Dichiarazioni del giovedì

 

Romain Grosjean (Lotus): «Non posso scegliere un ricordo in particolare di Jules, ne ho molti. Ricordo di averlo incontrato per la prima volta nel 2003, era più giovane di me ma molto più veloce sui kart. Poi ha proseguito la sua carriera vincendo ovunque. La cerimonia tenutasi martedì è stata molto toccante, credo che ai suoi genitori abbia fatto piacere vedere noi piloti».

Nico Hülkenberg (Force India): «È stato il mio compagno di squadra nel 2008, in F3, poi nel 2012 qui in Formula Uno. Lo ricordo in una gara al Mugello 7 anni fa, io ero al mio secondo anno nella categoria, lui solo un rookie. Io partivo dalla pole, lui dietro di me. Ricordo come tentò in tutti i modi di sorpassarmi, finì col bruciare le gomme mentre io le salvai, ma ciò mi diede idea del pilota che era. Anche fuori dalle piste lo ricordo come un ragazzo simpatico, abbiamo passato assieme dei bei momenti ed adesso mancherà a tutti».

Felipe Massa (Williams): «Per me Jules è stato, anzitutto, un grande amico. Quando lo incontrai per la prima volta ancora correva nei kart, cominciai a lavorare con lui. Era gentile fuori dalla pista ed un pilota fantastico. Sfortunatamente non ha avuto modo di dimostrare il suo valore a bordo di una vettura competitiva, mostrando il suo vero talento… Soltanto a Monaco ne ha avuto modo, portando a punti la Marussia per la prima volta. Non è stato facile presentarsi in chiesa, con quell’atmosfera così cupa. Lo voglio immaginare felice da qualche parte, lassù, mentre corre e si diverte e ci osserva».

Roberto Merhi (Marussia): «La prima volta che vidi Jules fu nel 2002, durante una gara di kart tenutasi in Spagna. Lui arrivava dalla Francia e non aveva mai visto il tracciato, eppure stupì tutti mostrandosi sin da subito veloce. Da lì in poi lo seguii, era ‘Il Pilota’, il punto di riferimento. Nel 2007 corremmo assieme per alcune gare nella Formula Renault, dove vinse. Lo stesso nel 2009 in F3, dove agguantò il titolo battendo molti altri buoni piloti. Per me è stato un peccato che non abbia potuto mostrare il proprio talento anche in Formula Uno come dovuto. Spero sia in un bel posto ora».

Felipe Nasr (Sauber): «Incontrai Jules la prima volta durante una corsa di kart fuori campionato, dove era presente anche Massa. Li potei vedere la persona speciale che era, non solo per i modi di fare ma anche per le tecniche che usava in pista, nel modo di guidare. Non avevamo la stessa età ma per me era il punto di riferimento come per Mehri. Aveva tutti i requisiti per essere un buon pilota di Formula Uno e lottare per qualcosa di grande in futuro. Auguro tutto il meglio alla sua famiglia».

Sergio Pérez (Force India): «Feci la sua conoscenza durante la GP2, dove entrambi correvamo. Poi affinammo il nostro rapporto grazie alla Ferrari Driver Academy: era una persona speciale, piaceva a tutti. Non ha avuto abbastanza tempo per mostrare di cosa era capace, sarebbe stato un futuro campione. Abbiamo condiviso diversi momenti da piloti – dal venerdì alla domenica durante i weekend di gara, più o meno ogni 15 giorni – non vederlo più è un duro colpo. La sua famiglia ora è la nostra famiglia e noi dobbiamo fare di tutto per supportarli, Jules sarà con noi per sempre. Penso a ciò che Jules ha fatto nel motorsport… è stato un grande ambasciatore di ciò e rimarrà per sempre nei nostri cuori».

 

 

Matteo Bramati, Andrea Villa

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati