Formula 1 | GP Brasile, Kubica analizza la stagione: “Anno positivo, almeno sul piano personale”

Sul futuro ha dichiarato: "Sono tranquillo"

Kubica ha parlato della sua stagione durante la press conference di apertura del prossimo Gran Premio del Brasile
Formula 1 | GP Brasile, Kubica analizza la stagione: “Anno positivo, almeno sul piano personale”

Presente alla press conference riservata ai piloti, Robert Kubica ha parlato della propria stagione in Williams, sottolineando come sul piano personale sia stato un anno assolutamente positivo, visto che nessuno si sarebbe mai immaginato di rivederlo a bordo di una Formula 1.

Nonostante il passo della scuderia inglese e alcune difficoltà di comunicazione, infatti, il polacco è riuscito a spingere senza alcun problema la FW35, dimostrando che le difficoltà alla braccio non siano assolutamente un ostacolo per quello che riguarda la guida.

Una stagione positiva, almeno sul piano personale, che gli permetterà di guardarsi con attenzione attorno per quello che riguarda il prossimo anno (il DTM è la destinazione più probabile, con magari un programma da terzo pilota in Haas.ndr).

“Breve ma impegnativa Interlagos, è così da come l’ho conosciuta dalla mia prima gara qui nel 2001, anche se non lo ricorda nessuno”, ha affermato Robert Kubica in conferenza stampa. “Sempre una bella sfida venire qui. E’ anche nella mia top ten dei circuiti preferiti”

Su un cambio di location ha affermato: “GP a Rio? Conosco poco la città. Ma aprirsi a nuove piste piace molto ai piloti. Ma a Interlagos le gare sono state sempre molto entusiasmanti”.

Non è mancato ovviamente un riferimento sulle normative 2020 e sul budget cap: “Anche lo stipendio dei piloti nel budget cup? Sì, perché no. Per quanto riguarda le gare, invece, mi sembra il passo giusto. E’ il talento che fa la differenza e non sono certo che questo possa cambiare le gerarchie. Succede così anche in F2 e F3. Dovremo aspettare, ma se le macchine daranno la possibilità di gare più aperte, sarebbe positivo”

Sulla stagione che sta per concludere ha invece dichiarato: “Non è stata una stagione semplice, non credo che nessuno sia contento in Williams. Ma il gruppo è rimasto sempre unito, forte e positivo. Ed è bello da vedere in un periodo difficile. Ma è una di quelle situazioni in cui non si può far andare la macchina più veloce, magari più lenta sì. Io lascerò la Williams, ma mi auguro che il team migliori la sua situazione in futuro. Se lo meritano”

“Sono fiducioso, ma le cose si muovono”, ha concluso. “E sono piuttosto rilassato. Lavoro come sempre e gareggiare è ancora l’obiettivo nel mio futuro e probabilmente potrò anche combinare dei programmi diversi. Tornare dopo tanto tempo e le limitazioni che ho, credo che nessuno avrebbe mai potuto pensare al mio rientro. Contento per come corpo e mente hanno reagito a queste sfide.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati