Formula 1 | Ferrari, Binotto a favore del dualismo tra Vettel e Leclerc: “Credo sia una buona cosa”

"Ritengo sia importante avere il giusto spirito combattivo all'interno della squadra", ha aggiunto il Team Principal

Binotto ha inoltre parlato della situazione legata a Sebastian Vettel, sottolineando come la Ferrari stia facendo il massimo per offrire al tedesco una vetture veloce e competitiva
Formula 1 | Ferrari, Binotto a favore del dualismo tra Vettel e Leclerc: “Credo sia una buona cosa”

Intervistato da Speed Week nel corso della giornata di ieri, Mattia Binotto ha commentato il dualismo creatosi tra Sebastian Vettel e Charles Leclerc dopo l’ultimo GP del Bahrain, sottolineando come l’energia derivante da quanto confronto sia qualcosa di assolutamente positivo per la squadra, soprattutto in un mondo competitivo come la F1.

L’Ingegnere italo-elvetico, infatti, ritiene che all’interno del team di debba essere il giusto spirito combattivo, visto che la competizione permette di tenere alta la concentrazione durate l’intero arco della stagione. Ovviamente questo discorso include anche i piloti, i quali devono spingersi a vicenda col fine di aiutare la squadra a migliorare le performance in pista.

“Ovviamente come capo squadra dovrò gestire i miei piloti”, ha dichiarato il Team Principal della rossa a Speed Week. “Il dualismo tra loro, però, penso sia una buona cosa, visto che ritengo sia importante avere il giusto spirito combattivo all’interno della squadra. Questo discorso chiaramente include anche i piloti”.

Sul sostegno della squadra verso Vettel ha aggiunto: “Per un pilota è importante sentire la fiducia del team e stiamo facendo di tutto per farlo sentire a proprio agio. Ovviamente tocca a noi dargli una vettura veloce e questo ritengo sia l’aspetto principale della cosa, almeno a mio parere, visto che con una buona monoposto tutto funziona meglio”.

Formula 1 | Ferrari, Binotto a favore del dualismo tra Vettel e Leclerc: “Credo sia una buona cosa”
4.4 (88%) 5 votes
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati