Ferrari realista: “La PU aggiornata di Monza non sarà un super-motore”

Maurizio Arrivabene ha parlato degli aggiornamenti previsti al propulsore

Ferrari realista: “La PU aggiornata di Monza non sarà un super-motore”

La Ferrari porterà a Monza, per il GP d’Italia, la quarta specifica del suo propulsore, opportunamente aggiornata con l’impiego di alcuni tokens (gettoni previsti per lo sviluppo), probabilmente nel numero di tre.

Il motore per Monza è molto atteso, dovendo permettere al Cavallino di tenere botta alla grande efficienza delle PU Mercedes, che tanto cara è costata a Spa e che ancora più esiziale potrebbe rivelarsi in Brianza. La quarta PU rappresentava la speranza di avvicinare la potenza dei Mercedes. Eppure il team principal di Maranello, con uno slancio di grande umiltà e realismo, ha parlato ai tifosi, ammettendo di non aspettarsi clamorosi passi avanti a Monza.

“Sappiamo che Monza per caratteristiche è simile a SPA – ha affermato Maurizio Arrivabene – e che quindi non è un circuito adatto alla nostra monoposto”. E’ ormai risaputo, difatti, che la SF15-T preferisce circuiti più lenti dove può far valere il proprio bilanciamento e l’ottimo equilibrio nella gestione delle gomme morbide, andando spesso in crisi quando si tratta di correre di motore o in appoggio.

“Mi spiace, però è il nostro GP di casa ed io voglio essere realista – ha continuato Arrivabene – Non mi va di ingannare i tifosi. E’ vero, avremo un nuovo motore, ma utilizzeremo pochi gettoni, quindi non è giusto parlare di super-motore”. 

Rossa ancora in difesa dunque, sperando che però la configurazione stop and go del tracciato italiano, rispetto alle curve veloci del Belgio, possa comunque adattarsi meglio alla SF15-T

Antonino Rendina

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

12 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati