Ferrari, Binotto: ” Power unit efficiente e con ingombri ridotti”

"Svolto un gran lavoro durante l'inverno"

Ferrari, Binotto: ” Power unit efficiente e con ingombri ridotti”

In merito alla presentazione della nuova SF16-H, Mattia Binotto, responsabile del settore motori della Scuderia Ferrari, ha espresso una propria opinione sul lavoro svolto dai motorist sulla power unit durante l’inverno. Rispetto allo scorso anno, infatti, la “Rossa” presenta un retrotreno molto piu’ rastremato, segno che gli ingombri del power train sono stati notevolmente ridotti. La monoposto presenta inoltre diverse novita’ di natura tecnica e delle masse radianti di nuova concezione. Binotto si è detto molto soddisfatto del lavoro svolto e sarà certamente interessante capire quanto sarà distante (se lo sarà…) la Mercedes a Melbourne.

Ecco le parole di Mattia Binotto: “Rispetto allo scorso anno abbiamo lavorato soprattutto su due fattori, anzitutto gli ingombri dell’architettura, abbiamo provato a compattarla per avere una ricaduta positiva sull’aerodinamica. La macchina è più stretta rispetto alla SF15-T e abbiamo provato a spostare tutti gli accessori, gli ingombri sono stati ridotti”.

“Non abbiamo lavorato solo sull’architettura – ha proseguito – ma anche sulla combustione, l’aspirazione, il turbo; rappresenta un primo passo in avanti rispetto al passato. Abbiamo compiuto scelte tecniche molto importanti e innovative”.

Roberto Valenti

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

4 commenti
  1. Federico Barone

    20 febbraio 2016 at 12:22

    Mi auguro che sia così ed in più… potente, parsimoniosa ed affidabile.

  2. lucaraikkonen

    20 febbraio 2016 at 12:27

    Vedremo. Fare previsioni ora è inutile. Quando metterà le ruote a Melbourne sapremo.

  3. gtv916c

    20 febbraio 2016 at 12:46

    Questa nuova generazione di tecnici finalmente lavora come un team. Un settore come il motore aiuta un altro settore come il telaio. Bello il tributo di Resta al team di Binotto ieri alla presentazione a cui ha dato i meriti di un posteriore veramente ridotto. Ora che la Ferrari non è più un pollaio pieno di galli, gli sforzi andranno sicuramente tutti nella stassa giusta direzione.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati