F1 | Vettel e l’esperienza in Ferrari: “Ho fallito, non sono riuscito a vincere il titolo”

"Non mi pento degli ultimi anni, ho imparato molto durante il mio tempo in Ferrari", ha sottolineato il tedesco

Seb lascerà la Ferrari a fine 2020 per accasarsi in Aston Martin
F1 | Vettel e l’esperienza in Ferrari: “Ho fallito, non sono riuscito a vincere il titolo”

Mancano oramai poche gare alla fine dell’esperienza in Ferrari di Sebastian Vettel. Il tedesco, arrivato a Maranello nel 2015 per sostituire Fernando Alonso, si congeda dal Cavallino con 14 vittorie (terzo nella classifica all time alle spalle di Michael Schumacher e di Niki Lauda) e 12 pole position ma senza quel titolo in rosso che sognava e che ha accarezzato per diverso tempo.

Il quattro volte campione del mondo, che dal prossimo anno sarà impegnato in un nuovo percorso professionale in Aston Martin, ha rivissuto i suoi anni in Ferrari ammettendo il fallimento per quel che concerne l’aspetto iridato. Seb inoltre ha ammesso che guarderà al futuro senza rimpianti, consapevole che gli errori fanno parte di un percorso di crescita di un pilota.

È vero che ho fallito perché mi ero prefissato la missione o l’obiettivo di vincere il campionato con la Ferrari e non ci sono riuscito – ha dichiarato Vettel, intervistato dal podcast Beyond The Grid – Ci sono cose che avrei dovuto fare meglio, cose che forse avrei dovuto vedere prima, battaglie che non avrei dovuto fare ma è parte della mia natura. Ma quanto accaduto mi ha portato dove sono ora”.

L’attuale alfiere della Ferrari ha poi aggiunto: “Non credo che andrò avanti con rimpianti guardandomi indietro. Se sono giusto e duro allora ho fallito. Ci sono delle ragioni? Probabilmente sì, ma non le accetto come scuse. Qualunque cosa sia accaduta mi ha anche portato al passo successivo. Non mi pento degli ultimi anni, ho imparato molto durante il mio tempo in Ferrari. Una squadra diversa, una cultura diversa e ho fatto amicizie lungo il percorso. La Ferrari è una squadra speciale”.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati