F1 | Turrini approva la scelta della Ferrari di lasciare liberi Sainz e Leclerc a Monza

"Non c’è nulla di male nella rivalità tra compagni di squadra fin quando non è la squadra a pagarne il prezzo", ha scritto il giornalista emiliano

F1 | Turrini approva la scelta della Ferrari di lasciare liberi Sainz e Leclerc a Monza

F1 Turrini Sainz Leclerc Monza – Tramite le colonne del proprio blog Profondo Rosso, Leo Turrini ha espresso un pensiero sul bellissimo duello tra Carlos Sainz e Charles Leclerc durante l’ultimo Gran Premio d’Italia a Monza, 15° appuntamento del mondiale 2023 di Formula 1, promuovendo la scelta della Ferrari di lasciare liberi i propri piloti nella battaglia per il terzo gradino del podio.

Secondo l’opinionista di Sky, i due portacolori della Rossa sono riusciti a mettere in mostra una sfida entusiasmante, aggressiva ma corretta, che ha infiammato i tanti appassionati presenti sulle tribune del circuito brianzolo. Una vera e propria boccata d’ossigeno, arrivata probabilmente nel week-end più importante del campionato, che per qualche minuto ha messo in secondo piano le tante difficoltà di questa stagione.

“Rispondo subito alla domanda che tutti gli amici di fede Ferrarista hanno iniziato a pormi quando ancora non era calata la bandiera a scacchi sul Gran Premio d’Italia”, ha scritto il giornalista emiliano. “Hanno fatto bene Carlitos e Carletto a sfidarsi all’ultima staccata, ruota a ruota, per contendersi il terzo posto? Risposta: sì! Perché si sono rispettati in pista, hanno evitato una collisione che sarebbe stata, quella davvero, intollerabile e non hanno danneggiato gli interessi della Scuderia. Non c’è nulla di male nella rivalità tra compagni di squadra fin quando non è la squadra a pagarne il prezzo. È normale che Sainz voglia arrivare davanti a Leclerc e viceversa. Un Gran Premio non è un pranzo di gala!”.

1/5 - (2 votes)
Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati