F1 GP Ungheria, Prove Libere 3: Vettel vola, Bottas lo marca stretto

Terzo Raikkonen davanti a Hamilton e Ricciardo

F1 GP Ungheria, Prove Libere 3: Vettel vola, Bottas lo marca stretto

Sebastian Vettel è di nuovo il più veloce, a conclusione della terza sessione di Libere all’Hungaroring. Il pilota della Ferrari, con il tempo record di 1:16.170, ha preceduto di 59 millesimi la Mercedes di Bottas, e la monoposto di Kimi Raikkonen, staccata di 2 decimi dal vertice. Quarta è giunta invece l’altra Freccia d’Argento, guidata da un Lewis Hamilton in evidente difficoltà con la mescola più morbida, la ultrasoft. Quinto tempo per Ricciardo, che ha preceduto la RB14 del compagno di box Verstappen, e poi Sainz, Hulkenberg, Grosjean e Gasly fino a chiusura della top ten.

Cronaca – Caldo e temperature oltre i 50°C al via della terza e conclusiva sessione di Libere all’Hungaroring. Leclerc con la Sauber è il primo a transitare in pit lane. La pista si popola abbastanza velocemente, mentre il primo crono lo mette a segno Kimi Raikkonen, con la gomma ultrasoft, 1:17.110. Con la stessa mescola Bottas scavalca il connazionale, fino all’arrivo di Vettel, che si impone in 1:16.343. Bottas, Raikkonen, Hamilton, Sainz, Stroll e Vandoorne seguono il tedesco dopo i primi quindici minuti, tutti con la mescola viola.

Verstappen, dopo il via su gomma medium, decide di provare come si comportano le soft, in ottica di un eventuale taglio in qualifica su questa mescola. L’olandese si inserisce al sesto posto, con un buon tempo. A metà sessione la Ferrari del tedesco continua a guidare il gruppo, con Bottas, Raikkonen, Hamilton, Ricciardo, Verstappen, Grosjean, Sainz, Hulkenberg e Leclerc a seguire. Verstappen e Grosjean sono gli unici su soft, gli altri con la ultrasoft.

Bottas si rilancia e conquista per un attimo la testa della classifica, ma Vettel non ci sta e mette a segno un nuovo giro record, 1:16.170, confermando la bontà della monoposto di Maranello su questo circuito, con la mescola più performante. A non volerne sapere di andare d’accordo con la gomma ultrasoft invece è Hamilton, decisamente in difficoltà e protagonista inoltre di un testacoda. Poco dopo anche Bottas esce di pista nel medesimo punto del compagno di squadra: si appoggia alle barriere ma senza riportare danni alla monoposto.

A quindici minuti dalla bandiera a scacchi Vettel continua a farla da leader, inseguito da Bottas, Raikkonen, Hamilton, Ricciardo, Verstappen, Grosjean, Sainz, Hulkenberg e Leclerc. Nelle fasi finali Verstappen, passato alla gomma ultrasoft, sale al quinto posto, ma sarà poi Ricciardo, a parità di mescola, a scavalcarlo sul finire della sessione.

Sebastian Vettel chiude in testa le FP3 davanti a Valtteri Bottas e a Kimi Raikkonen.

F1 GP Ungheria – Tempi, risultati e giri Prove Libere 3

1 Sebastian Vettel Ferrari 1m16.170s 16
2 Valtteri Bottas Mercedes 1m16.229s 0.059s 17
3 Kimi Raikkonen Ferrari 1m16.373s 0.203s 16
4 Lewis Hamilton Mercedes 1m16.749s 0.579s 17
5 Daniel Ricciardo Red Bull/Renault 1m16.803s 0.633s 11
6 Max Verstappen Red Bull/Renault 1m16.946s 0.776s 14
7 Carlos Sainz Renault 1m17.754s 1.584s 17
8 Nico Hulkenberg Renault 1m18.083s 1.913s 18
9 Romain Grosjean Haas/Ferrari 1m18.084s 1.914s 19
10 Pierre Gasly Toro Rosso/Honda 1m18.139s 1.969s 22
11 Kevin Magnussen Haas/Ferrari 1m18.230s 2.060s 17
12 Brendon Hartley Toro Rosso/Honda 1m18.252s 2.082s 19
13 Charles Leclerc Sauber/Ferrari 1m18.376s 2.206s 19
14 Fernando Alonso McLaren/Renault 1m18.467s 2.297s 15
15 Esteban Ocon Force India/Mercedes 1m18.512s 2.342s 20
16 Sergey Sirotkin Williams/Mercedes 1m18.630s 2.460s 17
17 Stoffel Vandoorne McLaren/Renault 1m18.789s 2.619s 14
18 Marcus Ericsson Sauber/Ferrari 1m18.842s 2.672s 18
19 Sergio Perez Force India/Mercedes 1m18.962s 2.792s 18
20 Lance Stroll Williams/Mercedes 1m19.132s 2.962s 20

 

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Focus F1

F1 | Siamo aggrappati a Verstappen

Il talento di Max per tenere il mondiale aperto
Max Verstappen l’unica e l’ultima chance di tenere vivo un mondiale che dopo poche gare sembra già bello che indirizzato