F1 GP Giappone, Prove Libere 2: Rosberg ancora davanti a Hamilton

Terza la Ferrari di Raikkonen. Seguono Verstappen e Vettel. Red Bull ottimo passo gara

F1 GP Giappone, Prove Libere 2: Rosberg ancora davanti a Hamilton

Nico Rosberg chiude al comando anche la seconda sessione di Prove Libere, davanti al compagno di box Hamilton e alla Ferrari di Kimi Raikkonen. Il tedesco della Mercedes ha fermato il cronometro a 1:32.250, staccando rispettivamente di 7 centesimi e 3 decimi la coppia alle sue spalle. Quarto tempo per la Red Bull di Verstappen, che precede la Rossa di Vettel e la Force India di Perez. Hulkenberg, Alonso, Bottas e Sainz completano le prime dieci posizioni. Ricciardo non effettua la simulazione di qualifica e chiude 12esimo. Nel pomeriggio – le Libere 2 si sono disputate dalle 14.00 alle 15.30 – i piloti si sono cimentati anche nei long run: le due Red Bull hanno impressionato sulla mescola hard, la più dura delle tre portate in pista a Suzuka e che dovrà essere obbligatoriamente utilizzata in gara.

Cronaca – Scatta il verde a Suzuka, quando sono le 14.00 in Giappone e la temperatura della pista è scesa da 36 a 33°C. Grosjean è il primo a entrare in pista, seguito da McLaren e Ferrari. Gomma medium per Kimi, hard per Vettel. Il primo crono è per Grosjean, con la hard, poi Button su medium e infine Vettel, leader in 1:34.150. Lo segue Alonso con le hard. Poco dopo Kimi si accoda a Vettel, in seconda posizione.
Terzo tempo per Sainz, seguito da Kvyat. Entrambi su hard. Massa con la medium si infila in quinta posizione. Poi il terzo posto è per Perez, con le hard. Le due Mercedes lasciano i box dopo 10 minuti dal via, mentre Hulkenberg strappa il terzo crono al compagno di box. Rosberg con le medium si porta in testa in 1:33.758, ma poi è Hamilton su hard a farla da leader in 1:33.475. Terzo tempo per Verstappen, quinto Ricciardo. Le due Red Bull, diversamente da Mercedes e Ferrari che differenziano le mescole ai due piloti, sono entrambi su hard. A 17 minuti dal via: Hamilton, Rosberg, Verstappen, Vettel, Ricciardo, Raikkonen, Hulkenberg, Perez, Bottas, Sainz, Kvyat, Massa e Alonso. Vettel e Ricciardo si trovano entrambi a 6 decimi dal vertice, con lo stesso crono.

Vettel e Force India passano alle soft, con la Ferrari che si porta davanti in 1:33.103. Sesto tempo per Massa, anche lui su soft, alle spalle di Hulkenberg. Terzo tempo poi per Perez. A trenta minuti dal via Vettel guida il gruppo seguito da Hamilton, Perez, Rosberg, Verstappen, Hulkenberg, Massa, Ricciardo, Raikkonen e Bottas. Rosberg passa alle soft, insieme a Bottas e Kimi. Il tedesco torna in testa in 1:32.250, Vettel è a 8 decimi. Raikkonen si porta in seconda posizione abbassando il distacco a 3 decimi. Hamilton, passato anche lui alla gialla, si prende il secondo miglior crono, a 7 centesimi dal compagno di box. Alonso è ottavo. Tutta la griglia è con la mescola soft, ma ecco che si ferma improvvisamente la Haas di Gutierrez ed entra in scena la VSC.

A metà sessione, rientrata la VSC: Rosberg, Hamilton, Kimi, Vettel, Perez, Verstappen, Hulkenberg, Alonso, Bottas e Sainz. Verstappen sale al quarto posto. Le Mercedes rientrano in pista con le soft usate, così come Vettel e le Force India. Comincia la simulazione del passo gara per i piloti, tutti su gomma soft, tranne Raikkonen con le medium e Sainz, Grosjean, Magnussen e Wehrlein con la hard.

A trenta minuti dalla bandiera a scacchi Rosberg rimane al comando seguito da Hamilton, Kimi, Verstappen, Vettel, Perez, Hulkenberg, Alonso, Bottas e Sainz. Vettel passa dai box e rientra in pista con le hard. Cambio anche per le Mercedes, con Hamilton che monta le hard e Rosberg le medium. Le due Red Bull con la mescola hard subiscono un alto degrado e rientrano ai box, quando mancano una decina di minuti alla conclusione. Le due monoposto di Milton Keynes sfoderano comunque il miglior passo gara con la gomma più dura.

La bandiera a scacchi sancisce la fine della prima giornata in pista, con Rosberg ancora il più veloce davanti a Hamilton e Raikkonen.

F1 GP Giappone – Tempi, risultati e giri Prove Libere 2

1 06 Nico Rosberg Mercedes 1’32″250 35
2 44 Lewis Hamilton Mercedes +00″072 1’32″322 35
3 07 Kimi Raikkonen Ferrari +00″323 1’32″573 26
4 35 Max Verstappen Red Bull +00″811 1’33″061 29
5 05 Sebastian Vettel Ferrari +00″853 1’33″103 34
6 11 Sergio Perez Force India +01″320 1’33″570 37
7 27 Nico Hulkenberg Force India +01″623 1’33″873 35
8 14 Fernando Alonso McLaren +01″735 1’33″985 37
9 77 Valtteri Bottas Williams +01″778 1’34″028 33
10 55 Carlos Sainz Toro Rosso +01″836 1’34″086 33
11 19 Felipe Massa Williams +01″877 1’34″127 33
12 03 Daniel Ricciardo Red Bull +01″900 1’34″150 29
13 08 Romain Grosjean Haas +01″991 1’34″241 33
14 26 Daniil Kvyat Toro Rosso +02″055 1’34″305 27
15 20 Kevin Magnussen Renault +02″089 1’34″339 36
16 22 Jenson Button McLaren +02″148 1’34″398 23
17 21 Esteban Gutierrez Haas +02″393 1’34″643 11
18 30 Jolyon Palmer Renault +02″510 1’34″760 36
19 12 Felipe Nasr Sauber +02″574 1’34″824 24
20 23 Pascal Wehrlein Manor +03″042 1’35″292 30
21 31 Esteban Ocon Manor +03″150 1’35″400 24
22 09 Marcus Ericsson Sauber +04″390 1’36″640 25

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Focus F1

F1 | Siamo aggrappati a Verstappen

Il talento di Max per tenere il mondiale aperto
Max Verstappen l’unica e l’ultima chance di tenere vivo un mondiale che dopo poche gare sembra già bello che indirizzato