F1 | Ferrari, confermato il problema all’attacco del semiasse sinistro sulla vettura di Leclerc

Ferrari, felicità a metà dopo il Gran Premio di Monaco

Leclerc non è scattato per un problema tecnico al posteriore
F1 | Ferrari, confermato il problema all’attacco del semiasse sinistro sulla vettura di Leclerc

Una domenica dai due volti per la Scuderia Ferrari Mission Winnow. Da una parte c’è la felicità per il secondo posto di Carlos Sainz che ha conquistato così il suo primo podio in rosso – per la squadra è il numero 774 della storia, il 54° a Monaco –. Il pilota spagnolo è stato autore di una gara attenta e priva di errori e i 18 punti sono la giusta ricompensa per un weekend competitivo ai massimi livelli.

Charles, che peccato! Dall’altra parte c’è la grande delusione per Charles Leclerc, che non è nemmeno riuscito a schierarsi su quella prima posizione della griglia di partenza che si era conquistato con la magnifica pole position di ieri pomeriggio. Putroppo, nel primo giro di ricognizione Charles ha accusato dopo poche curve un problema all’attacco del semiasse sinistro sulla ruota che lo ha costretto subito ai box: sono bastati pochi minuti a ingegneri e meccanici per realizzare che il danno era irreparabile nel poco tempo disponbile prima del via. A Charles non è rimasto che seguire la corsa dall’hospitality del team e dopo la bandiera a scacchi è andato ad abbracciare il compagno sotto il podio insieme alla squadra.

Competitività. Tra gli aspetti positivi del fine settimana c’è la competitività espressa dalla SF21, che è stata in grado di giocarsela per le posizioni di vertice con entrambi i piloti, in ogni sessione del Gran Premio. Pur con una sola vettura in pista, oggi la Scuderia ha guadagnato tre punti sui diretti rivali in classifica, anche se resta l’amaro in bocca per la consapevolezza che il bottino poteva essere molto maggiore.

Ora Baku. Il Mondiale tornerà in pista fra due domeniche per il Gran Premio dell’Azerbaigian, sesto appuntamento della stagione, sul circuito cittadino di Baku.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati