F1 | Ferrari, Binotto: “Vettel è un leader, adorato dal team e dai tifosi”

"Sebastian ci spinge a fare sempre meglio. È una parte importante della squadra", ha detto il team principal di Maranello

F1 | Ferrari, Binotto: “Vettel è un leader, adorato dal team e dai tifosi”

In un’intervista rilasciata a Sport Bild, Mattia Binotto ha parlato di Sebastian Vettel. L’ingegnere italo-svizzero, a capo della GeS Ferrari, ha infatti espresso parole importanti nei confronti del tedesco dopo la difficile gara di Monza.

L’intero team lo sopporto e lo adora! – ha sottolineato Binotto -. La Ferrari adora SebastianI tifosi della Ferrari adorano SebastianL’hanno celebrato in modo molto euforico a Milano al nostro evento per i 90 anni e veniva da Spa dove non aveva avuto la mia migliore gara”.

Il team principal della Rossa ha inoltre ha rimarcato le qualità di Vettel come pilota e uomo squadra: “Sebastian è un leader. Ci aiuta a sviluppare nella giusta direzione e continua a proporre nuove idee e possibilità. Sebastian ci spinge a fare sempre meglio. È una parte importante della squadra. Lo si è visto nella foto del team dopo la delusione di Monza e tutti hanno battuto e mani e lo hanno chiamato: ‘Seb, Seb, Seb‘”.

Ha bisogno di ritrovare la fiducia, così come noi la nostra – ha ammesso Binotto -. Ho fiducia in lui, è totalmente concentrato nel ritrovare fiducia e successo”.

Piero Ladisa


F1 | Ferrari, Binotto: “Vettel è un leader, adorato dal team e dai tifosi”
4 (80%) 2 votes
Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

8 commenti
  1. michele

    18 settembre 2019 at 16:30

    @Binotto

    Caro Binotto, stai proprio sbagliando approccio.

    Fin quando tutti continueranno a rimboccare le coperte a Seb, la situazione non muterà.

    Se al posto di Seb ci fosse stato Ham già lo avrebbero (non posso dirlo cosa gli avrebbero fatto se no il software mi blocca il commento).

    Avrebbero iniziato, soprattutto quei giornalisti, dai lunghi capelli che fanno gli opinionisti, che non è un campione. Così avrebbero detto, perché il vero campione supera tutte le difficoltà. Non è che alla prima si fa venire una crisi psicologica (vedi Senna o Schumacher). Già mi immagino che avrebbero dato anche colpa al cane di Lewis, o a non so chi.

    A me pare che Hamilton sta sempre lì, e avrebbe vinto anche nel 2016 se qualche pezzo di ricambio birichino non si fosse rotto.

    Sono anni che Vettel accumula errori senza che nessuno se ne accorga. Il ragazzo è appoggiato anche da molto eminenti giornalisti ferraristi che lo hanno sempre protetto, anche quando proprio era evidente l’errore.

    Lo so che è un tedesco ed è gradito a livello politico, ma c’è un limite a tutto.
    Qualsiasi altro pilota sarebbe stato come dire, ci siamo capiti, dopo tutti questi errori.

    Perciò se mi posso permettere, visto che ho molti più anni di te caro Mattia, tu devi fare proprio il cattivone con Seb. Senza tregua. Tu sei buono di carattere, ma devi proprio trasformarti per non dire un’altra parola.

    Se vuoi veramente recuperare Seb, così dovrai fare.

    Saluti cari.

  2. Victor61

    18 settembre 2019 at 18:28

    @michele: non darti troppa pena perché molti degli interlocutori ai quali ti rivolgi sono stati, sono e saranno sempre acciecati dalla becera follia rossoitaliota che non è molto cambiata negli anni (ricordi cosa successe a Patrese a Imola nell’82?) e di cui i fischi gratuiti e gli insopportabili insulti razzisti che si perpetuano nel tempo sotto il palco di Monza non sono che l’espressione più autentica di questo popolino ignorante, falso, antisportivo e voltagabbana (giornalisti compresi…) purtroppo per noi riconosciuto e deriso in tutto il resto del mondo.
    Detto questo di fronte a certe demenziali alzate di scudi pro Vettel dell’ultima ora (Vettel che quando correva per la RBR i ferraristi lo epitetavano “bimbom****a sopravalutato”…) mi viene in mente una strofa di una bella canzone di Ligabue dove dice che chi si accontenta gode…così, così…quindi contenti loro contenti tutti.

  3. Schumyking

    18 settembre 2019 at 20:27

    Caro victor61 facci un piacere emigra così non dovrai più sopportare i rossitalioti….

  4. Victor61

    18 settembre 2019 at 20:41

    @shumyking (in arte Leo Turrini) : se tutti i rissoitalioti come te fossero emigrati altrove già qualche anno fa il nostro paese è il motorsport in generale sarebbero davvero più belli 🙂

  5. Luigi176

    18 settembre 2019 at 22:06

    Non posso smentire il fatto che la scuderia Ferrari adori Vettel: non ho contatti e conoscenze lì. Ma ero a Monza e i commenti dei tifosi, soprattutto dei tifosi Ferrari non erano molto benevoli dopo la piroetta al sesto giro. Lascerei proprio perdere l’adorazione…

  6. Raphael

    19 settembre 2019 at 08:06

    Uhm…. queste dichiarazioni di Bin8 mi suonano di benservito…

  7. enzorettino

    19 settembre 2019 at 08:55

    Mi gioco la casa che se Vettel firmasse un pezzo di carta con cui rinunciasse alla penale per anticipata risoluzione del contratto, non riuscirebbe ad alzare la penna dal foglio che gli arriverebbe una pedata sul sedere e…. bye bye, problema risolto!!

  8. iceman82

    19 settembre 2019 at 14:46

    Pienamente d’accordo con te, Michele. Sono 3 anni che il rendimento di Seb è al di sotto delle attese.
    Il tedesco è appoggiato dalla stampa e dalla squadra in modo incredibile.

    Neanche Schumacher era così supportato. Vi ricordate quando andò a bere con il fratello, a mondiale concluso? Gli dissero di tutto.

    E guardate come hanno trattato kimi in ferrari negli ultimi due anni – il suo rendimento era al di sopra di quello di Vettel.

    E’ stato un buon pilota, ha avuto la fortuna di trovare la macchina giusta al momento giusto.

    Deve fare le valigie. Richiamiamo Kimi in rosso.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati