F1 | Esteban Ocon e la rivalità con Max Verstappen

Il pilota della Renault si è raccontato sul sito della F1

F1 | Esteban Ocon e la rivalità con Max Verstappen

Rimanere senza sedile nel 2019 non è stato per niente facile per Esteban Ocon. Il pilota della Renault si è raccontato sul sito della F1, a partire dalle battaglie nelle serie minori fino all’avventura con i grandi in Formula Uno. Un passaggio molto importante riguarda la rivalità con Max Verstappen, di cui tutti ricordano lo scontro in pista a Interlagos 2018 e gli spintoni dell’olandese nel post gara. “Penso che la prima volta che ho corso con Max Verstappen sia stato nel 2010”, ha scritto sul sito web di F1.

“Max e io eravamo sempre abbastanza vicini in pista e qualche volta ci si avvicinava troppo! Nel 2011 stavamo combattendo per il campionato del mondo delle serie e alla fine ha vinto lui. Ricordo che in una gara in Italia sono arrivato in testa, ma io e lui eravamo molto più avanti rispetto agli altri. Fu una rivalità che iniziò allora e presto divenne ancora più grande”.

“Max ha iniziato a diventare forte e mi ha sfidato per le vittorie e all’improvviso è stato il ragazzo da battere. Avevamo una cosa chiamata triplo record in cui vincere tutte le gare in un fine settimana. Verstappen lo ha fatto due volte a Spa e al Norisring e poi io l’ho fatto a Mosca al turno successivo! In quella gara di Mosca si è avvicinato e abbiamo sbattuto le ruote un paio di volte, proprio come ai vecchi tempi del kart”.

“Ho vinto il titolo in Formula 3, ma il momento difficile per me è stato quando Max ha firmato un accordo per correre in Formula 1. Buon per lui, ma quando ho saputo la notizia è stato difficile. Era terzo in campionato, io stavo vincendo e in quel momento non avevo un posto in nessuna categoria”.

“Ho fatto alcuni test in GP2, ma non c’era nulla di veramente confermato. Il programma Lotus F1 junior ha avuto difficoltà in quel momento e non andavo da nessuna parte. È stato un momento piuttosto impegnativo ma l’ho usato come motivazione. Sapevo che dovevo lavorare duro e tenermi in cima alle categorie junior se volevo arrivare in Formula 1

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento

Articoli correlati