F1 | Christian Horner: “I test delle gomme 2017 ci hanno penalizzato”

Il team principal della Red Bull spiega i motivi degli attuali problemi della Red Bull

F1 | Christian Horner: “I test delle gomme 2017 ci hanno penalizzato”

Il team principal della Red Bull Christian Horner crede che il coinvolgimento del suo team nel programma di sviluppo delle gomme 2017 abbia penalizzato la Red Bull a causa degli sviluppi inaspettati degli pneumatici.

Il team anglo-austriaco ha partecipato ai test (come Ferrari e Mercedes) con dei “muletti” per aiutare la Pirelli a prepararsi alla deportanza sviluppata dalle nuove regole del 2017, questo ha portato i team rivali a sospettare che la partecipazione a questi test garantisse un vantaggio nonostante il fornitore degli pneumatici ha più volte garantito che non avrebbe condiviso i dati con i team.

Tuttavia in un’intervista per il GP Gazzette, Christian Horner ha lasciato capire che la Red Bull ha preso una direzione sbagliata con la RB13 per colpa delle gomme del 2017 che si sono rivelate differenti rispetto a quelle utilizzate nei test.

“Il cambiamento di regolamento è stato importante e attualmente penso che aiutare la Pirelli nei test ci abbia penalizzato. Sono state cambiate alcune cose nelle gomme che noi avevamo preso in considerazione nella progettazione della vettura. E penso che abbiano addirittura influenzato la nostra direzione di sviluppo. Non direi che ci ha portato al fallimento, ma ci ha portato in una direzione che non ha favorito gli pneumatici.” ha dichiarato Horner.

“In ogni caso Ferrari e Mercedes hanno fatto un lavoro migliore di noi in inverno in quanto hanno interpretato le regole meglio di noi. Ci siamo ritrovati subito indietro sin dai primi test.”

Horner ha comunque sottolineato che anche i problemi col motore Renault abbiano influenzato il programma di test della Red Bull.

“Non abbiamo percorso il chilometraggio che volevamo in quanto siamo stati molto chiusi in garage per i problemi al motore, dunque solo dopo l’Australia siamo stati in grado di capire la nostra posizione rispetto agli altri team e naturalmente dovevamo ottenere più perfomances”

“I piloti ci hanno detto che la macchina non era ben bilanciata quindi i nostri sforzi si sono concentrati su questo tipo di debolezze. Ed il primo step di aggiornamenti in questo senso è arrivato a Barcelona.”

Il team principal della Red Bull comunque è fiducioso del fatto che il gruppo di lavoro del team riuscirà a venire a capo dei problemi della vettura.

“Conosciamo le nostre debolezze e le stiamo risolvendo. Abbiamo un gruppo molto capace che ha dimostrato il suo potenziale con le vecchie vetture e non ho alcun dubbio che ci riusciranno anche con questa.”

“Stiamo riducendo il gap ed a Barcelona lo abbiamo dimostrato. Penso che la seconda parte di stagione sarà ben più competitiva della prima”.

Stefano Rifici (@SedyBenoitPeace)

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati